Juventus

    Scudetto 1930-31

    28 settembre 1930, con Juventus-Pro Patria sul campo di Corso Marsiglia a Torino, comincia la più straordinaria avventura della storia del nostro calcio. In campo, Combi, Rosetta e Caligaris; Barale, Varglien I e Rier; Munerati, Cesarini, Vecchina, Ferrari e Orsi. La Juve che già aveva un trio da leggenda in difesa(Combi-Rosetta-Caligaris) adesso ha pure una prima linea in grado di contrastare efficacemente l’Ambrosiana Inter campione in carica. Da destra a sinistra, Munerati-Cesarini-Vecchina-Ferrari-Orsi. 3-0 al Milan, 2-0 al Casale, poi un 3-1 sul campo della ostica Pro Vercelli del giovanissimo Silvio Piola, e avanti così.

    Il 26 ottobre, a Torino, la prima sfida-scudetto, contro la Roma, è vinta di misura, 3-2, con reti di Munerati, Cesarini e Orsi. Poi, il 7 dicembre, tocca al Bologna, sconfitto per 2-0. Infine, il 18 gennaio ‘31, è la volta dell’Inter, che all’Arena soccombe ad una Juve più forte nei singoli e come squadra. E’ un 3-2 più netto di quanto dice il punteggio finale, rimesso in bilico solo a tempo scaduto da un gol del nerazzurro Serantoni. La Juve è prima e sola, inciampa nel primo caldo primaverile di Roma (clamoroso 0-5 al testaccio, il 15 marzo ’31) ma poi tira dritto, vincendo anche il ritorno di Torino con l’Inter, il 21 giugno, alla penultima giornata. E’ scudetto matematico.

    SQUADRA

    ALLENATORE

    GIOCATORI

    Carlo Carcano

    Combi, Ghibaudo, Bodoira, Rosetta, Caligaris, Ferrero, O Barale, Varglien I, Rier, Vollono, Torriani, Mosca, Varglien II, Castellucci, Bigatto I, Munerati, Cesarini, Vecchina, Ferrari, Orsi, Vojak II, Pogliano, Crotti,
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK