Juventus

    Scudetto 1951-52

    La Juve '51 - '52, dopo una deludente stagione chiusa al terzo posto, non ha più Carver in panchina (l'allenatore è entrato in polemica con la società per alcune scelte tecniche), allenatore è adesso l'unghereseGiorgy Sarosi. La squadra - base non cambia: Viola; Bertuccelli Manente; Mari Parola Piccinini; Muccinelli Karl Hansen Boniperti John Hansen Praest. Un pareggio deludente al debutto (1 -1 con la Spal) fa da prologo a una marcia trionfale: sette vittorie consecutive. Il 16 dicembre a San Siro, è 1-1 con i campioni in carica del Milan. Poi, la marcia riprende sicura: altre quattro vittorie di fila e in primavera un 4-0 alla Fiorentina e un 6-0 al Torino fanno da preludio alla sfida decisiva con il Milan, a Torino. Il 4 maggio '52, Juve batte Milan 3-1. Vivolo, Boniperti e Praest rimandano a casa il Diavolo, ma si trattengono lo scudetto tricolore.

    Il titolo numero nove è in cassaforte. Nel derby del 20 aprile ’52 si era conquistato un set a tennis, un 6-0 ai granata che costituisce un altro record.
    60 punti, sette di vantaggio sui rossoneri, con 98 gol fatti e solo 34 subiti. Staccatissime, nell’ordine, Inter, Fiorentina e Lazio. John Hansen, che Carver avrebbe voluto cedere, è capocannoniere con 30 reti, staccando Boniperti (19) e Muccinelli (17).

    SQUADRA

    ALLENATORE

    GIOCATORI

    Gygorgy Sarosi

    Viola, Cavalli, Bertuccelli, Manente, Corradi, Mari, Ferrario, Parola, Piccinini, Bizzotto, Muccinelli, K Hansen, Boniperti, J Hansen, Praest, Vivolo, Caprile, Boniforti, Scaramuzzi,
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK