Juventus

    Scudetto 1981-82

    Altra stagione sofferta e gloriosa per la Juve quella del campionato 1981-82, che rispetto all’anno prima ha in più il mediano Massimo Bonini e il ritorno in attacco di Virdis. Con sei vittorie consecutive iniziali i bianconeri fanno subito il vuoto, ma alla 7ª, il 1° novembre ‘81, la Roma con un gol di Falcao passa al Comunale e accorcia la classifica. Tanto più che la domenica successiva anche il Genoa ha ragione di una Juve improvvisamente in confusione. Ma i giallorossi non sono regolari, perdono alla 9ª con l’Inter e consentono agli uomini del Trap di riprendersi il primato. Una vetta della classifica, comunque, affollata come non mai: il 13 dicembre, dopo l’11ª giornata, sono ben quattro le capoliste (JuveRomaFiorentina e Inter) e, tra queste, la più volitiva sembra essere la Fiorentina che il 3 gennaio 1982, superando l’Inter (2-1), prende il volo, seguita a un punto dalla Juve, vittoriosa sull’Udinese con un gol del giovanissimo Galderisi. Viola e bianconeri allungano la fila degli inseguitori, sicché all’inizio del girone di ritorno solo l’Inter, staccata di tre lunghezze, è ancora in grado di inserirsi.

    Il braccio di ferro Fiorentina-Juve è avvincente: sono alla pari dopo la 18ª e fino alla 21ª (Juve che vince il derby 4-2 in rimonta e viola vittoriosi sulla Roma). Poi, il 14 marzo, la svolta: la Juve dilaga sul campo dei giallorossi (3-0) mentre i gigliati sono costretti al pareggio dal Torino (2-2). Classifica: Juve 34, Fiorentina 33. Lo scontro diretto del 4 aprile non cambia nulla, visto che finisce 0-0. Ma i viola sfruttano il pareggio dei bianconeri con l’Ascoli per riaffiancarli alla 26ª.

    Nuovo, piccolo allungo della Juve alla 28ª: nella partita del ritorno in campo di Paolo Rossi, a Udine, la squadra del Trap vince alla grande (5-1) mentre la Fiorentina è costretta al pari dall’Inter a San Siro (1-1). Sembra fatta, ma non è così: la Juve alla penultima non riesce a superare il Napoli al Comunale, mentre ai viola non sfugge la vittoria a spese dell’Udinese. Così, all’ultima giornata, con le due squadre appaiate a quota 44, prende corpo l’ipotesi dello spareggio. Restano due trasferte: per la Juve a Catanzaro, per la Fiorentina a Cagliari. Gare in bilico fino alla fine, contro avversarie motivatissime: decide al 75’ un rigore di Brady, che l’irlandese (che già sa di non restare in bianconero, visti gli acquisti di Platini e Boniek) trasforma con freddezza. I viola a Cagliari non passano. Niente spareggio, lo scudetto è ancora juventino.Scirea, Virdis e Zoff non hanno saltato neppure una partita, e Virdis, cannoniere scelto, ha ripagato con 9 centri la fiducia del mister e della società. Fondamentali anche le 6 reti del baby Galderisi.

    SQUADRA

    ALLENATORE

    GIOCATORI

    Giovanni Trapattoni

    Zoff, Gentile, Cabrini, Furino, Brio, Scirea, Marocchino, Tardelli, Galderisi, Brady, Virdis, Bonini, Fanna, Prandelli, Bettega, Osti, Rossi, Tavola
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK