Juventus
    Juventus
      01.06.2013 00:00 - in: La squadra S

      I Campioni d’Italia: Giorgio Chiellini

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Leader in campo e nello spogliatoio, insuperabile in difesa, preciso in fase di impostazione. La difesa della Juventus è in ottime mani

      Una delle immagini più belle della festa scudetto per le vie di Torino è la sua: in piedi, sul tetto del pullman che trasporta i giocatori, Giorgio si scatena nella sue tipica esultanza, quella “alla King Kong” che si batte il petto, facendo impazzire le migliaia di tifosi presenti per le strade.

      Quell’esultanza quest’anno Chiellini l’ha mostrata una sola volta, ma ha scelto la partita giusta: contro il Napoli al San Paolo in una sfida che poteva rilanciare le ambizioni partenopee, respinte al mittente con la sua zuccata. Giorgio in effetti non ha avuto troppe occasioni per ripetersi: complice qualche fastidioso infortunio, ha collezionato 24 presenze, per un totale di 2039 minuti. E’ stato però più forte della sfortuna, oltre che degli avversari e ogni volta è tornato in fretta e più forte di prima.

      Nella difesa a tre si trova alla perfezione. Il gioco di Conte vuole che la manovra inizi dalle retrovie e quelli che possono sembrare appoggi banali, diventano fondamentali per lo sviluppo dell’azione. Chiellini effettua 1409 passaggi e ne completa 1273, ben il 90,4%. Il dato si abbassa solo leggermente se si considerano quelli effettuati nella metà campo avversaria, a segno nell’85,3% dei casi.

      Quando poi si tratta di inchiodare gli avversari, Giorgio è fenomenale: pur avendo giocato meno dei compagni di reparto, è il difensore che effettua più contrasti, 75, e ne vince il 74, 7 %. Di testa poi è insuperabile e 98 delle 148 respinte difensive effettuate sono palloni alti.

      Il suo contributo è decisivo, ma non solo in campo. Chiellini è uno dei leader dello spogliatoio, per la sua lunga militanza in bianconero, perché trasmette serenità ed equilibrio e sa farsi sentire con modi gentili. Poi arriva la partita, e si trasforma in King Kong...

       

      (Dati Opta)

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK