Juventus
    Juventus
      09.06.2013 00:00 - in: La squadra S

      I Campioni d’Italia: Sebastian Giovinco

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      I numeri non mentono, il fantasista tra i giocatori più utili a disposizione di Conte

      Tre per il 30, quattro per il 31. No, non sono numeri a caso estratti dalla tombola bianconera. Ma il contributo, fondamentale, dato dal Settore Giovanile agli ultimi successi tricolori targati Juventus. A Claudio Marchisio, Paolo De Ceglie e Luca Marrone, già protagonisti del primo Scudetto dell’era Conte, nell’ultima stagione si è aggiunto anche Sebastian Giovinco. Rientrato alla base da Parma, in tempo per gustarsi i suoi primi trionfi in Prima Squadra, dopo i tanti raccolti da ragazzino nel vivaio.

      Trionfi in cui la firma di Seba c’è. Eccome se c’è. Molto più di quanto si pensi. Già, perché forte delle meritate credenziali che si è sempre portato dietro, da Giovinco tutti si aspettavano tanto. E in troppi hanno giudicato frettolosamente la sua annata solo con un numero: 11, come i gol realizzati (sette in campionato, due a testa tra Coppa Italia e Champions) in stagione.

      Invece, rileggendo le statistiche emergono tanti dati in più. Dati che ad Antonio Conte sono sempre stati impressi nella testa e per i quali ha spesso preferito Sebastian nelle sue scelte. In totale, il fantasista torinese ha giocato 42 partite, di cui 31 in campionato, sette in Europa, tre in Coppa Italia e una a Pechino in Supercoppa.

      Ma sviscerando tutte le statistiche della Serie A, è alto il numero delle curiosità. Così come il contributo di Giovinco al gioco offensivo dei bianconeri. Le sue 31 presenze (la media è calata nel finale a causa di qualche acciacco), lo fanno insieme Vucinic l’attaccante più utilizzato. Al quarto posto nella classifica generale, dietro solo a Barzagli, Bonucci, Pirlo e Buffon.

      La media gol (uno ogni 279 minuti) lo collocano al quinto posto alle spalle di Matri, Quagliarella, Vucinic e Vidal. Ma la classifica migliora dal punto di vista dei tiri: i 69 tentati sono stati inferiori solo ai 77 di Vucinic, con una percentuale del 47,8% per quanto riguarda quelli finiti nello specchio (33).

      Ma il contributo importante emerge in dati meno appariscenti. Intanto i sei assist (gli stessi di Asamoah e Vucinic) sono stati di poco inferiori ai sette di Pirlo e agli otto del leader Vidal. Il 73,3% dei passaggi riusciti, ne fanno insieme a Quagliarella (curiosamente con la stessa percentuale ma con un numero nettamente inferiore) l’attaccante che più riesce a servire i compagni. In totale i passaggi sono stati 591 di cui 433 riusciti, a cui va aggiunto un aspetto non da poco quale la maggiore intensità di avversari nella sua zona di competenza.

      Molti di questi palloni, Seba li ha giocati nell’area avversaria. I suoi 183 totali sono inferiori di appena uno ai 184 di Vucinic, ma di quasi 100 superiori agli 84 di Vidal, terzo in questa speciale classifica. Inoltre, una delle sue migliori doti – la capacità di allargarsi sulle fasce – emerge dal numero dei cross tentati: 84, inferiori solo ai 127 dello specialista Lichtsteiner, ma superiore a quelli di tutti gli altri esterni di ruolo.

      Senza dimenticare la sua attitudine di saltare l’uomo e di procurarsi calci piazzati. I 61 falli subiti ne fanno nettamente il bianconero più “tartassato”. Falli spesso subiti in area: con due rigori procurati guida la classifica insieme a Vucinic e Asamoah. Ma anche al limite, dove le capacità balistiche di Andrea Pirlo - ma anche le sue! - hanno spesso rappresentato un’arma in più.

      I numeri non mentono: l’apporto di Sebastian Giovinco sul 31° Scudetto è stato più che decisivo.



      (Dati Opta)

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK