Juventus
    08.08.2013 00:00 - in: Eventi S

    8 agosto 1926, Scudetto ipotecato

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    La Juventus rifila sette gol all’Alba Roma e ipoteca il secondo tricolore della sua storia, il primo legato alla Famiglia Agnelli

    Per la serie, quando anche ad agosto si festeggiavano gli Scudetti. Storia del 1926, quando la Juventus ipotecava il secondo trionfo della propria storia. Grazie a una goleada contro l’Alba Roma, formazione vincitrice del Girone Lega Sud (a quei tempi non si parlava ancora di girone unico) e designata a sfidare i bianconeri, freschi vincitori del Girone Lega Nord dopo tre appassionati sfide contro il Bologna.

    L’8 agosto, a Torino, la formazione capitolina è spazzata via con un perentorio 7-1. Le reti portano la firma di Hirzer (tripletta), Pastore (doppietta) Vojak I e Torriani. In campo ci sono anche tre campioni che, tantissimi anni dopo, entreranno nella rosa delle 50 Leggende bianconere: Carlo Bigatto, Giampiero Combi e Virginio Rosetta.

    Il match, giocato sul campo di via Marsiglia, rappresenta solo l’andata della doppia finale. Ma il risultato fa già capire a tutti dove finirà il tricolore. Per festeggiare definitivamente bisognerà attendere due settimane, dopo il match di ritorno a Roma.

    Quello del 1925/26 è uno Scudetto che ha una valenza storica importante per la storia della Juventus. Non solo perché arriva a oltre 20 anni dal primo – targato 1905 -, ma perché rappresenta il primo del legame tra la società bianconera e la Famiglia Agnelli, di cui quest’anno si celebrano i 90 anni.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK