Juventus
    25.10.2013 14:42 - in: Eventi S

    Barzagli: «Vorrei chiudere qui la mia carriera»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Il difensore toscano ospite a Filo Diretto su Jtv. «Quest’anno il campionato è più aperto, con il Genoa sarà una gara difficile. Tutto aperto in Champions»

    Dal Real Madrid al Genoa passando per Filo Diretto. È un venerdì tra campo e Jtv quello di Andrea Barzagli, ospite di Cristina Chiabotto per il programma della tv ufficiale bianconera che permette ai tifosi di mettersi in contatto con i loro beniamini.

    Tante le telefonate e le mail arrivate ad Andrea, uno degli idoli della gente juventina. Per le prestazioni impeccabili sul campo, ma anche per la sua serietà al di fuori. Un vero professionista, destinato a lasciare un segno nella storia del club. «Poter giocare per la Juventus è un privilegio per ogni calciatore. Ricordo ancora le emozioni provate il giorno dell’inaugurazione dello Juventus Stadium, un evento in cui è uscita tutta la storia di questa società, l’importanza di questa maglia prestigiosa e pesante al tempo stesso. Spero di poter chiudere qui la mia carriera».

    Due giorni dopo, si parla ancora della partita con il Real. Una sfida che i bianconeri hanno giocato alla pari, rimediando un ko immeritato. «Giocare al Bernabeu – ha detto Barzagli – dà una grande emozione, è uno stadio bellissimo e il Real è una grande squadra. Ma mercoledì abbiamo dimostrato che possiamo competere con loro. Al ritorno sappiamo di dover fare una grande partita, ma potremo contare anche sulla carica dei nostri tifosi che siamo sicuri sarà ancora più intensa. Il cammino in Champions si è fatto difficile ma sappiamo di potercela ancora fare a passare, soprattutto dopo la prestazione di Madrid».

    Ma intanto prima c’è da pensare al campionato. Prima del match con la squadra di Ancelotti sono in programma tre partite, la prima delle quali domenica con il Genoa. Barzagli e compagni sono pronti: «Sarà un’altra sfida importante, dobbiamo riconquistare tre punti prima possibile per dimenticare Firenze. Il Genoa ha cambiato da poco l’allenatore e credo verrà qui a difendersi. Il campionato è più aperto, con Roma e Napoli che si stanno rivelando rivali attrezzate. Inoltre noi sappiamo di dover migliorare, in queste partite abbiamo preso qualche gol di troppo. Non stiamo concedendo molto di più degli anni scorsi, dobbiamo solo limitare quegli errori personali che sono stati pochi nelle passate stagioni. Ma noi puntiamo molto al titolo, vincere il terzo Scudetto di fila sarebbe una cosa storica per noi giocatori e per il club».

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK