Juventus
    14.12.2013 10:14 - in: Serie A S

    Conte: «C'è solo il presente»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Dopo Istanbul il tecnico vuole un'immediata reazione: «Non dobbiamo pensare a ciò che è stato. Concentriamoci sul Sassuolo e rialziamoci immediatamente»

    «Conta solo il presente. E il presente si chiama Sassuolo». Il messaggio di Antonio Conte è chiaro: Istanbul va dimenticata immediatamente e il modo migliore per farlo è rituffarsi in campionato e concentrarsi sugli obiettivi immediati. La volontà dell'allenatore però cozza con quella dei giornalisti presenti alla conferenza stampa tenuta alla vigilia della sfida contro i neroverdi. Il tema più battuto è l'eliminazione dalla Champions, accompagnata da un clamore a tratti davvero eccessivo. Qualcuno ha addirittura parlato di fallimento e la risposta di Conte è affidata al sarcasmo: «Fallimento? E perché? Forse perché non abbiamo vinto la Champions League?  Ah, certo, l'avevo messa come primo obiettivo e avevo sempre parlato di triplete...».

    L'eliminazione brucia, certo, ma certi giudizi post Istanbul lasciano qualche perplessità se addirittura viene discusso Carlos Tevez, “colpevole” di non aver segnato in Champions: «Questo è relativo, anche perché i miei parametri di valutazione sono differenti – ribatte il tecnico - La prestazione dell'attaccante per me non dipende dal gol. E Carlos in Turchia è stato un leader, giocando come un leone nonostante le condizioni difficili del terreno. E' un grandissimo acquisto non solo come calciatore, ma come persona, per il carisma e l'esperienza che ci ha portato».

    «Vincere la Champions è una giusta ambizione – spiega Conte – perché si deve sempre alzare l'asticella, ma servirà  entusiasmo, passione, pazienza... Servirà tempo. Non si può volere tutto subito e pensare che dall'oggi al domani si possa competere contro squadre più strutturate. Oggi la Champions non è più come quando giocavo io: ci si scontra con corazzate di livello mondiale, contro le quali non si può competere a livello economico e credo sarà dura vedere una squadra italiana in finale nei prossimi anni. La scorsa stagione siamo arrivati ai quarti e siamo stati eliminati dal Bayern Monaco, mentre quest'anno il cammino non è stato buono all'inizio e abbiamo pregiudicato il nostro percorso. Non saremmo dovuti arrivare a giocarci la qualificazione nell'ultima partita. Non è la nostra prima caduta, anzi, quest'anno ci è capitato due volte di fila contro Fiorentina e Real Madrid. Chi fa sport sa che si può vincere  perdere e si deve essere preparati in ambedue i casi. Dovremo rialzarci anche questa volta».

    E l'occasione arriva immediatamente con la sfida contro il Sassuolo, una squadra che ha bloccato in casa  Roma e Napoli, le nostre due concorrenti più vicine in classifica. Dovremo essere bravi a pensare subito a questa partita, dimenticando ciò che è stato, consci di vivere una fase delicata del campionato».

    Riguardo alla formazione, in attacco e a centrocampo e scelte sono limitate: «Vucinic non è disponibile, Giovinco ha preso un altro calcio e ieri non si è allenato. Mancano Pirlo e Marchisio... Asamoah interno potrebbe essere una soluzione», conclude Conte.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK