Juventus
    Juventus
      30.08.2013 11:21 - in: Serie A S

      Conte: «Testa e cuore»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      «La Lazio è attrezzata per lottare con noi per le prime posizioni, incontreremo delle difficoltà, ma vogliamo crearne anche noi a loro»

      «Serviranno la testa e il cuore, prima ancora delle gambe». Sono queste le armi che, per Antonio Conte, la Juventus dovrà mettere in campo sabato sera contro la Lazio. Testa, per entrare in campo concentrati al massimo, e cuore, per lottare su ogni pallone, perché i biancocelesti lo faranno di sicuro: «La sconfitta in Supercoppa darà loro qualcosa in più - continua il tecnico - ma domani sarà tutta un’altra partita. A Roma si assegnava un trofeo e siamo felici di averlo vinto, però tra noi e loro non c’è la differenza che il punteggio ha mostrato. La Lazio è attrezzata per lottare con noi per le prime posizioni, ci ha sempre fatto soffrire e lo farà anche domani. Incontreremo delle difficoltà, ma vogliamo crearne anche noi a loro».

      Servirà insomma la miglior Juve, quella più feroce e affamata. I bianconeri per molti ora sono un punto di riferimento anche a livello tattico, ma per Conte questa non è una novità: «Mi è capitato anche con il Bari, quando vinsi il campionato di B con il 4-2-4, di vedere tanti adottare lo stesso sistema l’anno successivo. Non sono comunque i numeri a fare la differenza, sono i principi. E da questo punto di vista credo che la Juventus abbia fatto scuola».

      Il discorso si sposta sulla cessione di Matri, che Conte definisce «dolorosa, così come quella di Giaccherini. Sento dire da tutti che il divario con le concorrenti è aumentato, quando in realtà siamo stati costretti a privarci di un Nazionale e di uno dei giocatori che negli ultimi due anni ha segnato di più, importante anche a livello di spogliatoio. Questo dovrebbe far capire a tutti che il momento che stiamo passando in Italia a livello economico riguarda anche la Juventus. A parte alcune eccezioni come il Napoli, le società devono vendere se vogliono acquistare e noi dovevamo rientrare di quei 20 milioni spesi per Tevez, Llorente e Ogbonna».

      «Noi oggi subiamo certe situazioni, perché non abbiamo la capacità economica di aggredire il mercato - continua Conte - Ci auguriamo che un giorno si possa disporre di altri tipi di risorse. Ora abbiamo ripianato il bilancio vincendo e ci auguriamo che questo possa ripetersi, ma sappiamo anche che, a volte, nelle ristrettezze economiche, le ciambelle possono anche uscire senza il buco. Non sono preoccupato perché conoscevo questa situazione, anche se ovviamente non mi fa piacere perdere giocatori e rinforzare gli altri. So però che siamo costretti a farlo e in un simile contesto un allenatore deve andare incontro alla società».


       


       


       

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK