Juventus
    26.12.2013 10:46 - in: S

    Della Morte: «Puntare a un grande 2014»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Per il tecnico degli Allievi Nazionali, il 2013 è stato un anno straordinario. «Entrambi i gruppi sono cresciuti molto»

    Nel calcio, si sa, i bilanci si stilano per stagioni sportive, da settembre a giugno. Ma per raccontare al meglio il grande lavoro svolto da Ivano Della Morte è altrettanto corretto prendere in esame il solo anno solare. Il 2013 che si sta chiudendo è stato assolutamente straordinario per gli Allievi Nazionali, per entrambi i gruppi che si sono succeduti: i ’96, che hanno finito il loro cammino in estate, e i ’97 che lo hanno iniziato con l’avvio della nuova stagione.

    Due gruppi diversi, che nell’anno solare hanno regalato vittorie e un grande calcio. La disamina di Della Morte, fatta in esclusiva per Jtv, non può che partire dalla prima parte del 2013. «La rosa era reduce da tre mesi e mezzo non facili. Avevamo avuto problemi con i transfer dei ragazzi stranieri e i tanti ’97 aggregati dovevano ambientarsi in un campionato per loro da giocare sotto età. Pian piano siamo diventati sempre più squadra e nella seconda parte della stagione abbiamo raggiunto un obiettivo impensabile alla fine del girone d’andata, cioè l’approdo alle finali. Purtroppo il nostro cammino nella corsa Scudetto si è fermato in semifinale contro il Parma, dopo una grande partita giocata quasi interamente in inferiorità numerica».

    Sfumato un tricolore che, considerato il cammino ripartito a gennaio sarebbe stato meritato, il tecnico torinese ha iniziato l’avventura nella stagione 2013/14. Con un gruppo in parte già consolidato, formato da quei ’97 cresciuti esponenzialmente e dal resto della rosa approdata dopo l’annata nel campionato Allievi Nazionali 1ª e 2ª divisione. A cui si sono stati aggregati alcuni ragazzi del ’98. I problemi di amalgama di un anno prima sono stati solo un ricordo e il gruppo ha iniziato subito a volare.

    Gli Allievi Nazionali sono arrivati a Natale in testa al campionato, con un ruolino di 11 vittorie su 13 gare disputate. «Finora è stato un percorso bellissimo – continua Della Morte -, ma per ora è solo a metà. La squadra migliora giorno dopo giorno, ha sempre avuto il giusto atteggiamento e la giusta mentalità, mostrando un calcio di alto livello. Basti pensare che abbiamo una media di 3,2 gol a partita. Sappiamo che possiamo e dobbiamo migliorare ancora. Sarà difficile, ma la base importante. Abbiamo tutto per fare bene e raggiungere il nostro obiettivo che è arrivare anche quest’anno alle finali nazionali a Chianciano».

    Le premesse perché sia un grande 2014 ci sono tutte. Per questo il gruppo ora trascorrerà le meritate vacanze a riposare. Si ripartirà giovedì 2 gennaio e da domenica 12 si torna già in campo per l’inizio del girone di ritorno. Da affrontare al meglio per tentare quell’assalto al tricolore sfuggito di un soffio pochi mesi fa.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK