Juventus
    23.09.2013 16:24 - in: Serie A S

    Il Chievo in casa

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Una vittoria e una sconfitta al Bentegodi in questo avvio di campionato

    4-4-2: è questo il credo tattico di Giuseppe Sannino da sempre e anche il suo Chievo gioca secondo il modulo caro ad Arrigo Sacchi. Nei due incontri casalinghi precedenti alla gara di mercoledì sera con la Juventus, il Chievo ha perso 2-4 con il Napoli e ha sconfitto l’Udinese per 2-1. Osservando le zone di campo dove i giocatori sono entrati in fase di possesso, si notano alcune caratteristiche interessanti, che andranno verificate contro i bianconeri.

    Nel reparto di difesa, i veneti spingono maggiormente a sinistra con Dramé, che agisce praticamente sulla linea di centrocampo. In mezzo, Radovanovic e Rigoni giocano molto ravvicinati. Sestu è un elemento che si muove molto avanti.
    Nella partita del debutto casalingo, è stato impiegato come quarto di sinistra. Sabato scorso, nel 2-1 sull’Udinese, ha toccato la maggior parte dei palloni sull’out destro, in posizione molto larga, dando estremo impulso alle manovre offensive. La coppia d’attacco è stata variata nelle due partite, ma c’è un punto ad accomunare le due prestazioni: Paloschi si muove più indietro, mentre a dare più profondità e a proporsi come il terminale è stato Thereau con il Napoli e Pellissier con l’Udinese.

    In entrambe le sfide il Chievo non si è mai avvicinato agli avversari per quanto riguarda il possesso palla (20 minuti contro 35 con la formazione di Benitez; 18 a 30 con quella di Guidolin). Un dato non episodico, se è vero che tra le 20 di serie A i gialloblu sono i più indietro di tutti dopo le prime quattro giornate. Pochi i cross su azione, tre e quattro. Non banale, invece, il dato delle occasioni da gol prodotte: cinque contro il Napoli (a fronte delle nove di Hamsik e compagni), ben sette con l’Udinese, che ne ha confezionato a sua volta solo cinque. Del resto, inserendo anche le gare in trasferta, il Chievo si propone come una formazione dalla buona attitudine offensiva. I gol prodotti sono solo quattro, ma le opportunità da gol collocano la squadra di Sannino al settimo posto. Meglio di lei, finora, ci sono solo Inter, Roma, Napoli, Juventus, Fiorentina e Lazio.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK