Juventus
    Juventus
      29.08.2013 20:00 - in: Champions League S

      Le rivali di Champions: Galatasaray

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Doppio confronto con Felipe Melo, ex compagno di alcuni dei bianconeri di oggi. A caccia della prima vittoria a Istanbul

      Se il Real Madrid rappresenta la storia, il Galatasaray entra comunque nella voce “tradizione”. Il club turco è un cliente affezionato della massima competizione europea. Tra Coppa Campioni e Champions League le gare giocate sono quasi 150. E nella passata stagione lo stop è arrivato solo a un passo dalla semifinale, estromesso proprio dai madrileni.

      Per tentare di fare un’altra stagione importante in coppa, la squadra di Fatih Terim – nome conosciuto in Italia per aver allenato Milan e Fiorentina – si affida a grandi campioni. Due su tutti: Didier Drogba e Wesley Sneijder, che la “coppa dalle grandi orecchie” l’hanno alzata ai tempi di Chelsea e Inter.

      Ma è un altro il nome che si lega alla Juventus. Si tratta ovviamente di Felipe Melo, centrocampista brasiliano acquistato nel 2009 e ceduto al Galatasaray nel 2011. Giusto in tempo per riuscire a vincere gli ultimi due campionati di Turchia, rispettivamente i numeri 18 e 19 del club. A cui vanno aggiunti 14 Coppe di Turchia, una Europa League e una Supercoppa Europea.

      Juventus e Galatasaray si sono incontrati quattro volte in gare ufficiali, sempre nei gironi eliminatori della Champions League. Con bilancio di assoluta parità: una vittoria a testa e due pareggi. Pareggi che hanno contraddistinto le due sfide del 1998: 2-2 al Delle Alpi grazie a Inzaghi e Birindelli, 1-1 a Istanbul con i bianconeri raggiunti nel finale dopo il vantaggio di Amoruso. Un successo per uno nel 2003: doppietta di Del Piero nel 2-1 di Torino, 2-0 per i turchi sul campo neutro di Dortmund (a causa di una serie di attentati che avevano colpito la capitale turca).

      Istanbul o Dortmund, la Juventus non ha mai vinto in trasferta contro i turchi. Antonio Conte proverà quindi da allenatore quell’impresa non riuscitagli da giocatore.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK