Juventus
    07.03.2014 11:53 - in: Member S

    Tevez: «Il gol più bello è sempre il prossimo»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Intervistato ai microfoni di JTv da Cristina Chiabotto, l’Apache ha parlato della sua entusiasmante esperienza in bianconero finora, di come si trovi a Torino e della sensazione nell’indossare il 10 bianconero.

    Mentre a Vinovo si lavora per arrivare al massimo della condizione in vista del trittico di campionato e Europa League contro la Fiorentina – al via domenica allo Juventus Stadium – il bomber bianconero Carlitos Tevez si è presentato questa mattina negli studi del canale ufficiale bianconero, JTv, per un esclusivo Filo Diretto con i suoi tifosi.

    Se avete ancora negli occhi la Grande Bellezza di San Siro, sappiate che non è finita qui: Carlitos ha detto di avere in serbo per voi nuove sorprese…  

    Rispondendo alla domanda di Alessandra, tifosa dei Club Doc, l’Apache ha confermato che quando si tratta di meraviglie balistiche, non è mai sazio.

    «Ho lavorato forte  finora, sapevo di poter dare quello che ho dato in campo stando bene fisicamente», ha aggiunto Tevez rispondendo ad un altro tifoso dei Club doc, Massimo. «Come ho detto quando sono arrivato alla Juve, stando bene fisicamente posso fare grandi cose».

    Roberto ha domandato quanto una Juve dal ritmo sudamericano possa influire sul suo rendimento fin qui straordinario

    Tevez annuisce, rivelando che ha legato davvero con tutti loro: «Tra sudamericani andiamo tutti d’accordo». Dopo i ringraziamenti telefonici di Paolo, tifoso bianconero che, come tutti, stravede per l’Apache, Cristina Chiabotto ha chiesto al numero 10 se si aspettava un inizio così alla Juventus. La risposta di Carlitos è stata decisa. 

    «Sì, sapevamo quale fosse il nostro potenziale dentro e fuori dal campo. Siamo una squadra forte e lo sappiamo, quando giochiamo tutti assieme è difficile battere la Juventus». «E’ un club grandissimo», ha aggiunto. «Mi accorgo che è club super grande perché tutti vogliono batterla». 

    Dopo una richiesta di confronto tecnico…

    .... i riflettori sono infine andati sul Carlos Tevez meno conosciuto, il campione fuori dal campo che è appena diventato papà per la terza volta. Il terzogenito, Lito Junior, è nato proprio nella sua nuova città adottiva, Torino.

    «E’ come vivere in una città argentina, tranne Buenos Aires che è troppo grande», ha spiegato Tevez.  «A Manchester è stato brutto, qui invece è facile adattarsi».  

    Cosa gli manca? «Mangiare, è una cosa che mi piace molto, ma devo tenere controllata la dieta. Mi manca il cioccolato ma non posso mangiarlo», ha scherzato il fuoriclasse argentino, prima di concludere con l’ennesimo, bellissimo atto d’amore per questa maglia che continua ad onorare, partita dopo partita.

    Clicca qui per vedere la gallery fotografica del Filo Diretto. 

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK