Juventus
    02.03.2014 23:54 - in: Serie A S

    Tevez: «Prima il campionato, poi faremo la storia»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    L’Apache commenta così la sua prestazione e il gol capolavoro di giornata, dedicato ovviamente al neonato Lito Junior.

    «Carlitos, ci sei?», ha chiesto il Mister a fine  primo tempo. La risposta è arrivata sul campo, con quella perla di rara bellezza infilata sotto la traversa d’Abbiati e l’ennesima prestazione da polmone artificiale a tutto campo.

    Questo siparietto, rivelato dall’Apache a fine partita ai microfoni di Sky, restituisce tutta l’intensità agonistica dello spogliatoio bianconero. Una gara combattuttissima, in bilico fino alla prodezza di un campione: un campione che, con la sua quindicesima rete stagionale a più di 100km/h, ha anche messo la freccia scavalcando tutti in vetta alla classifica cannonieri.

    «La palla si è abbassata molto rapidamente, il portiere non ha potuto pararla per quello », ha commentato Carlitos a fine gara, rispondendo alla domanda di Gianluca Vialli che chiedeva se quel tiro fosse umanamente parabile.

    «La vittoria di oggi è troppo importante, sapevamo che la Roma non aveva vinto contro l’Inter, era importante fare i tre punti – anche se questa partita ne valeva di più», ha continuato Tevez.

    Il gol non poteva che essere dedicato a Lito Junior, nuovo arrivo in casa Tevez: la gioia più grande di questa settimana di emozioni. Il ciuccio era già pronto, non attendeva che essere mostrato al mondo. «Già avevo previsto la dedica, purtroppo mi si è rotto il ciuccio quando volevo tirarlo fuori!», ha dichiarato il campione argentino commentando la sua esultanza.

    Tevez-Llorente come Del Piero-Trezeguet, è stato il paragone dei commentatori. Con Arturo Vidal, fanno 37 gol in tre: la Juve è l’unica formazione in Serie A che può vantare ben tre giocatori in doppia cifra.  

    «Continuiamo cosi, facendo gol per la squadra: fare la storia ora è in secondo piano, pensiamo prima alla squadra e a vincere il campionato», ha concluso Tevez con un pragmatismo e un’umiltà disarmante.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK