Juventus
    Juventus
      28.07.2013 23:10 - in: La squadra S

      Work hard, play hard

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Per costruire una squadra vincente servono sorrisi e smorfie di fatica. Oggi, a Palo Alto, si sono visti entrambi

      Conte sarà anche un “martello”, come amano definirlo i media, ma sa perfettamente quando ai suoi uomini va concesso anche un po’ di svago. Alternare al sudore qualche sorriso è fondamentale, non solo per affrontare il duro lavoro con uno spirito più leggero, ma anche per cementare il gruppo. E l’allenamento di questa mattina è la perfetta applicazione di tale filosofia.

      La terza giornata dei bianconeri a Palo Alto è iniziata con una buona mezz’ora di palestra. La squadra ha raggiunto il Cagan Stadium intorno alle 10.30 e ha iniziato il lavoro sul campo con un riscaldamento tecnico, a base di scambi in velocità tra le sagome. E’ stata poi la volta del torello, utilissimo per allenare reattività e tecnica, ma anche tricipiti e pettorali, visto che, quando venivano completati dieci passaggi consecutivi, i giocatori che non erano riusciti a recuperare il pallone dovevano pagare pegno con una serie di piegamenti sulle braccia.

      Velocità di reazione e rapidità di movimento sono stati la base anche della successiva parte della seduta, con i giocatori con la pettorina verde impegnati a inseguire e “catturare” quelli in maglia gialla, costretti a loro volta a scappare dall’assillante marcatura.

      E mentre correvano per il campo, ai bianconeri è scappato più di un sorriso: l’esercizio del resto era decisamente divertente, così come la breve “crossbar challenge”, per dirla all’americana, che ha visto i bianconeri tentare di centrare la traversa da metà campo. Lo svago non è durato più di un quarto d’ora, ma è stato sicuramente prezioso per i giocatori, specie visto che, terminato il momento ludico, ad attenderli c’erano le massacranti ripetute: chi le aveva già sostenute a Chatillon ha affrontato “solo” le serie sui 100, 80 e 50 metri, mentre ai Nazionali, che hanno iniziato da poco la preparazione, è stato servito il menù più ricco, con le corse sui 300 metri a farla da padrone.

      Inevitabile che, a fine seduta, i sorrisi abbiano lasciato il posto a smorfie di fatica. Ma per costruire una squadra vincente servono entrambi.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK