Juventus
    07.11.2014 09:20 - in: Serie A S

    Alcuni memorabili #JuveParma

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Dal primo precedente nella storia del 1925, terminato in goleada, fino alla doppietta di Carlitos Tevez dell’anno scorso. Ecco alcune sfide contro i ducali da cui non si può prescindere… aspettando la partita di domenica!

    LA PRIMA VOLTA
    4 ottobre 1925, Juventus-Parma 6-1 (Pastore, Hirzer, Pastore, Hirzer, Hirzer, Pastore, Mistrali)

    Il primo Juve-Parma nella storia si disputa in uno stadio vero, lo Juventus di Corso Marsiglia, a Torino: in campo le due squadre si contendono la vittoria nel girone eliminatorio del Campionato di Prima Divisione.  La Signora guidata da Karoly – già centromediano della grande Ungheria Anni ’10, baffetti neri e testa pelata – schiera il mitico Combi in attacco, supportato da Gianfardoni, Allemandi, Bigatto, Meneghetti, Barale, Torriani, Violak, Fenili, Hirzer e Pastore.  Sono proprio questi ultimi due i mattatori assoluti dell’incontro, andando a segno tre volte ciascuno e lasciando ai ducali solo le briciole, ovvero la consolazione di un gol al novantesimo minuto. Quello della bandiera che rende la sconfitta appena più amara. Sarà la prima delle trentuno vittorie bianconere in 60 incontri ufficiali. 

    In carriera, la mezz’ala Ungherese arriverà a segnare 50 gol in 43 presenze in bianconero – una media gol impressionante, quasi pareggiata dal compagno di reparto Pietro Mario Pastore che totalizzerà 64 caps sotto la mole per la bellezza di 53 centri.

    Presidente di quella Juve è Edoardo Agnelli. A fine stagione, arriverà il secondo scudetto per la Signora.


    LA VITTORIA PIU’ LARGA
    27 gennaio 1991, Juventus-Parma 5-0 (Julio Cesar, Casiraghi, Marocchi, Baggio R., Baggio R.)

    In 1991 #JuveParma ended 5-0, with this man striking twice...#Throwbackthursday

    Una foto pubblicata da Juventus Football Club (@juventus) in data

    Il risultato si sblocca al 24’: punizione di Baggio, tocco corto per Julio Cesar e bomba immediata che finisce là dove deve, imparabile per il connazionale Taffarel. Nel secondo tempo arriva la seconda rete bianconera: De Agostini si libera magistralmente di un avversario sulla sinistra, la piazza in mezzo per l’accorrente Casiraghi che di corsa, e da due passi, non sbaglia. Il 3-0 di Marocchi giunge in scivolata, mentre il 4-0 e il 5-0 sono tutti appannaggio di questo campione qui sopra.

    Al 40’ della ripresa Casiraghi lancia infatti il Divin Codino, che scarta un avversario e con una pennellata a giro (che più avanti sarebbe stato il pezzo forte anche di Pinturicchio) la mette lì dove il portiere avversario non può arrivare. Passa poco più di un minuto (1’ 18’’) e Baggio raddoppia su cross di Marocchi, devastante sulla sinistra: il suo tocco preciso sbatte sul palo e carambola in rete, consegnando il tabellino finale della partita alla storia con impresso il risultato finale di cinque reti a zero.


    LA VITTORIA SCUDETTO 
    21 maggio 1995, Juventus-Parma 4-0 (Ravanelli, Deschamps, Vialli, Ravanelli)

    Passano otto lunghi anni prima di ritrovare la Juve in lizza per uno scudetto. L’estate della grande svolta, quella del ’94, riporta la storia alle sue dimensioni più tradizionali. E’ una Juve tutta nuova, quella affidata a Marcello Lippi: Ferrara dietro, Paulo Sousa e Deschamps a metà campo, il ragazzo Del Piero già promosso nel gruppo dei titolari, le novità più ghiotte. 

    Il 21 maggio, quando il Parma secondo e antagonista di tutta la stagione si presenta al Delle Alpi, basterebbe un pari alla Juve per avere lo scudetto in tasca. Ma i bianconeri non fanno calcoli e se la giocano, alla grande: finisce 4-0, con doppietta di Ravanelli e reti di Deschamps e Vialli. A due giornate dalla fine, il titolo è in cassaforte. Ferrara e Ravanelli i più presenti, Vialli il bomber con 17 centri, con Ravanelli a quota 15 e Del Piero che pareggia le reti di Baggio, a quota 8, preparandosi a raccoglierne l’eredità.
     

    GLI ULTIMI TRE INCONTRI – L’ANNO SCORSO
    26 marzo 2014, #JuveParma 2-1 (Tevez, Tevez, Molinaro)

    La doppietta di Tevez, le più belle giocate della vittoria contro gli emiliani e le interviste post partita con l'Apache e Antonio Conte

    DUE ANNI FA
    25 agosto 2012, #JuveParma 2-0 (Lichtsteiner, Pirlo)
    Il gol di rapina dello Swiss Express, puntualissimo sull’assist di Asamoah, e quello del Maestro. Ovviamente su punizione. 

    UN'ALTRA PRIMA VOLTA
    11 settembre 2011: #JuveParma 4-1 (Lichtsteiner, Pepe, Vidal, Marchisio, Giovinco)

    Tutti i gol e le azioni più spettacolari della splendida vittoria contro gli emiliani. La prima partita ufficiale allo Juventus Stadium (e la prima volta dello schema Pirlo-Lichtsteiner) non si scorda mai. Specialmente quando la partita termina in goleada, e vanno a segno solo ed esclusivamente giocatori che militano nell’attuale rosa bianconera.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK