Juventus
    Juventus
      01.02.2015 17:29 - in: Serie A S

      Allegri: «Risultato giusto»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      «Abbiamo giocato male per i primi 35 minuti e una partita come quella di oggi si poteva anche perdere. L'Udinese ha giocato una gara di grande intensità»

      Allegri l'aveva detto: quando la Juve gioca alle 15.00 le difficoltà aumentano. Oggi però, più dell'orario ha potuto l'Udinese, capace di imbrigliare i campioni d'Italia e di bloccarne il gioco. La Juve è sembrata tropo frenetica, specie in avvio di partita e il tecnico non è soddisfatto né del risultato né della prestazione: «Nel primo tempo abbiamo giocato male, almeno fino al 35' - sottolinea Allegri - Buttavamo via il pallone e abbiamo rischiato due o tre volte. Le difficoltà sono nate soprattutto dal fatto che avevamo tre difensori e Pirlo che giocavano il pallone e gli altri tutti vicino alla loro area. Affrettavamo troppo le giocate esponendoci alle ripartenze e finendo per fare muro anche noi là davanti. Nella ripresa abbiamo iniziato a palleggiare di più, portando con più uomini  il pallone vicino all'area. L'Udinese ha giocato una gara di grande intensità, mentre noi abbiamo sbagliato molto a livello tecnico. Il risultato comunque è giusto anche perché quella di oggi era una di quelle partite che si potevano anche perdere».
      L'ingresso di Morata nel secondo tempo ha regalato maggior dinamismo ai bianconeri, e Allegri elogia lo spagnolo: «Morata quando gioca, dall'inizio o a gara in corso, ha sempre qualche occasione per segnare. Oggi  ho scelto Llorente perché giocando con il 3-5-2- avevo bisogno di punte più vicine e sopratutto all'inizio anche lui ha fatto un buon lavoro».

      L'atteggiamento dell'Udinese ha ricordato quello del Parma in Coppa Italia, visto che in un caso e nell'altro gli avversari della Juve hanno giocato con un'attenzione maniacale: «Nel girone di ritorno i punti valgono doppio o triplo e anche chi si deve salvare gioca in modo diverso - spiega Allegri -  È più difficile avere brillantezza, serve pazienza e maggior precisione con la palla tra i piedi. Ci sono ancora tanti punti a disposizione - conclude il tecnico - e si deve cercare di vincere il più possibile, perché 50 punti certo non bastano per vincere il campionato».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK