Juventus
    Juventus
      02.02.2015 13:37 - in: Comunicati Ufficiali S

      Bentornato Alessandro!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      “Mitra-Matri” arriva a Torino per disputare la sua quarta stagione in bianconero

      C’è chi crede che le coincidenze siano pura casualità e c’è chi crede che siano figlie del destino. Alessandro Matri torna oggi alla Juventus proprio nell’anniversario del suo debutto in bianconero, ovvero il 2 febbraio 2011 (a Palermo). 

      A Torino la forte punta centrale lodigiana ritrova i suoi vecchi tifosi, che ha fatto esultare per 29 volte nel corso delle sue 83 apparizioni con la maglia della Juventus ma, soprattutto, con i quali ha gioito per i due scudetti (2011/12 e 2012/13) e la Supercoppa conquistati insieme. 

      Chi non crede al destino dovrà sorvolare anche sulla coincidenza che ha visto il “Mitra-Matri” segnare i suoi primi due gol in bianconero a neanche una settimana dal suo trasferimento sotto la Mole proprio contro la sua ex squadra, il Cagliari. 

      Era infatti il 5 febbraio 2011, e Ale metteva in mostra tutto quel repertorio per il quale si era meritato la prima chiamata in bianconero dalla Sardegna, dove aveva giocato per ben quattro stagioni, dal 2007 al gennaio 2011, vantando 125 presenze e 36 gol. Ma soprattutto dove per la prima volta incrocia la sua strada con mister Allegri, che lo allena per due stagioni e grazie al quale mette in mostra tutto il suo potenziale sui massimi palcoscenici italiani. 

      Controllo e tiro fulmineo, di prima intenzione per il gol del vantaggio, una rasoiata dal limite dell’area; tecnica, opportunismo e fiuto da attaccante di razza per il raddoppio, una botta al volo in corsa su assist di Chiellini.

      Il primo abbraccio con il popolo bianconero avviene al Comunale, e lui lo festeggia a suo modo: segnando, e permettendo alla Juve di vincere il Derby  d’Italia. Una rete d’intuito, di testa, che fa il paio con quella che ci permise di battere nuovamente l’Inter in casa sua, oltre un anno dopo. Quella volta fu un tocco da pochi passi, raccogliendo un assist dalla destra: il suo penultimo centro in bianconero, prima di quello a Bergamo contro l’Atalanta (pregevole sinistro in corsa da applausi), con lo Scudetto già conquistato. 

      Il destino, ancora lui, vuole che il suo primo gol in Nazionale arrivi all’esordio quando, subentrato a Giuseppe Rossi nella partita contro l’Ucraina, va in rete proprio su suggerimento di Sebastian Giovinco, l’amico ed attaccante di cui prende idealmente il posto quest’oggi in bianconero. 

      Dopo l’esperienza bianconera il Mitra passa al Milan, squadra nella cui giovanili era cresciuto, e nella quale viene allenato proprio da Massimiliano Allegri, che ritrova a Vinovo nelle vesti di allenatore della Juventus. 

      La stagione passata la trascorre tra Milanello e Firenze, dove segna una doppietta all’esordio contro il Catania e chiude il girone di ritorno con un bottino di quattro reti. 

      Al Genoa, quindi. Con la maglia rossoblù esordisce proprio nella trasferta settembrina di Firenze, contro la sua ex squadra. In sedici presenze colleziona cinque assist, venti occasioni create (nuovamente sopra la media del massimo campionato, 1.25 a gara contro 0.84) ma soprattutto sette reti. 

      Notevole quest’anno la precisione al tiro (65%, contro una media tra gli attaccanti di Serie A del 50%) e la percentuale realizzativa, forse il dato più eclatante tra tutti (30%): ventitre tiri totali, sette gol. 

      Ma soprattutto, un suo tiro ogni due nello specchio finisce dentro. 

      Niente male come biglietto da visita per la sua nuova avventura in bianconero:

      Bentornato tra noi, Ale!


      La gallery

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK