Juventus
    04.06.2015 14:09 - in: Champions League S

    Buffon-ter Stegen, sfida tra numeri uno

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    In vista della finale di Champions, uno sguardo alle statistiche dei due portieri

    Sarà uno dei duelli a distanza che renderanno ancor più pepata la finale di Berlino: da una parte l'agilità, l'ambizione, la spregiudicatezza di Marc-Andre ter Stegen, dall'altra l'esperienza, il carisma, la classe di Gianluigi Buffon.

    Quella tra i due portieri sarà una sfida a distanza che metterà di fronte, agli estremi opposti del campo, uno dei più interessanti prospetti nel ruolo e la Leggenda. Una sfida a distanza che si è consumata già durante il percorso in Champions e che, gara dopo gara, ha confermato quanto i due numeri uno siano decisivi per le rispettive squadre.

    I dati del cammino europeo non fanno che confermarlo: Buffon e ter Stegen hanno giocato entrambi tutte le 12 partite che hanno portato Juve e Barcellona in finale ed entrambi la metà delle volte sono usciti dal campo lasciando immacolata la propria porta.

    Sono stati dieci i gol subiti dal portiere blaugrana, contro i sette incassati da Buffon. Letteralmente mostruosa la media di parate del capitano bianconero che ha detto no all'81,6% dei tiri subiti, con dieci punti percentuali in più rispetto al collega, fermo al 71,4%.

    In tutto sono stati 31 gli interventi di Gigi, 26 quelli di ter Stegen. Il primo è stato impegnato fuori area in 20 occasioni, appena otto volte il secondo.

    Nell'analizzare i dati individuali di un portiere, si dovrebbe considerare il lavoro difensivo svolto dalla squadra, l'atteggiamento più o meno spregiudicato dei compagni, le singole situazioni affrontate. Ci sono statistiche però che possono essere lette senza tener conto di tutto questo: quelle riferite ai rigori. Numeri quanto mai importanti, specie in una finale di Champions che potrebbe anche concludersi dagli undici metri.Ebbene, analizzando le carriere dei due portieri ecco cosa emerge:

    Buffon, tra club e Nazionale si è trovato a fronteggiare un tiro dal dischetto in 136 occasioni e per 41volte ha ipnotizzato gli avversari, respingendo 34 conclusioni, mentre sette finite sui legni o fuori dallo specchio della porta. Tradotto significa che contro Gigi, un rigore ogni 3,3 è destinato a fallire.
    Più alta la media di ter Stegen: anche nel suo caso, dei 44 tiri dal dischetto subiti, dieci sono stati parati, 34 sono terminati in rete. La media fa 4,4.

    Infine, forse il dato più interessante in vista di Berlino: l'andamento dei due portieri quando una partita si decide dagli undici metri. ter Stegen para un rigore ogni cinque, avendone respinti tre su 15, mentre Buffon è un osso più duro per chi va a calciare: chi si è trovato Gigi di fronte dagli undici metri dopo i supplementari ha fallito 15 volte su 52 e in 13 occasioni è stato il portiere a ribattere. La media è di un penalty fallito ogni 3,46 calciati. Media che cresce ulteriormente, se si guardano le ultime due partite terminate ai rigori in cui Buffon ha giocato: la sfida tra Italia e Uruguay nella Confederation Cup del 2013, quando parò tre conclusioni su cinque, e la Supercoppa di Doha, dove ne fermò tre su nove. Del resto, quando ti trovi davanti la Leggenda, la porta si fa di colpo più piccola...


     

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK