Juventus
    Juventus
      18.09.2014 16:43 - in: Member S

      Evra: «Lo Stadium è incredibile»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Il francese protagonista del Filo Diretto di Jtv: «I tifosi ti danno una grandissima forza. C'era solo la Juve che mi poteva far lasciare il Manchester, perché è una grande squadra, che lotta per vincere»

      Patrice Evra ha una dote rara. E non parliamo della tecnica sopraffina, né della rapidità con cui macina chilometri sulla fascia. Ancor più delle evidenti doti pedatorie, il francese trasuda carisma e quando lo si ascolta non si riesce davvero a non provare una scarica di adrenalina. Se ne saranno ben resi conto i telespettatori di Jtv che questo pomeriggio hanno avuto il piacere di parlare con lui durante il Filo Diretto. Perché ad ogni risposta data da Patrice, cresce l'orgoglio di avere in squadra un campione come lui. Basti, come esempio, il suo pensiero sulla Champions:

      Evra non vende sogni e chiarisce che anche in Europa «si deve affrontare una partita per volta, con grande fiducia». La stessa con la quale i bianconeri andranno a San Siro sabato per affrontare il Milan: «Loro giocano in casa, sta a noi far vedere che siamo i campioni».

      Patrice è carico e, soprattutto, è convinto della forza di questa squadra, «un bel mix di giovinezza ed esperienza». E, a proposito di giovani, ecco come risponde ad un tifoso che gli chiede un giudizio sul connazionale Coman: «Ha talento e umiltà e queste sono le caratteristiche che ti possono dare un futuro. Da giovane se non hai la testa non vai avanti. Kingsley ce l'ha e il suo papà mi ha anche dato il permesso, se non ascolta, di essere duro con lui...».

      Dalla freschezza di Coman, all'esperienza di Tevez, grande amico di Patrice fin dai tempi di Manchester:

      Carlitos ha trascinato la Juve nelle ultime due gare, ma oltre all'Apache la Juve ha un'arma in più. Un'arma che Patrice ha scoperto da poco:

      «Quando sono entrato in campo per la prima volta – continua il francese – mi sono detto: questa gente è venuta qui per vederci vincere. Senti i tifosi al tuo fianco e ti danno una forza incredibile. Avremo bisogno di loro durante la stagione e sono sicuro che ci saranno sempre vicino».

      Il bilancio dei suoi primi mesi in bianconero è ottimo, ma l'impatto con gli allenamenti e la preparazione italiana è stato traumatico: «Non avevo mai lavorato così tanto. Dopo qualche settimana Allegri mi ha chiesto come mi sentissi. “Sono contento di essere ancora vivo” gli ho risposto», sorride divertito Patrice.

      Inevitabile la domanda sul modulo. Finora Allegri ha schierato la Juve con il 3-5-2, ma se anche dovesse cambiare non sarebbe un problema:

      Il paragone con il Manchester torna più volte nelle domande dei telespettatori. E la risposta con cui Patrice si congeda dal pubblico non può che riempire di orgoglio ogni tifoso:



      La gallery

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK