Juventus
    Juventus
      11.02.2015 17:00 - in: S

      Grosso: «Sabato ce la giochiamo fino alla fine»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Tra l’andata e il ritorno della semifinale di #PrimaveraTimCup, Fabio Grosso racconta in esclusiva a JTv la gara di Formello in previsione della rivincita al Pistoni di Ivrea

      Mai l’espressione “risultato bugiardo” è risultata più calzante. Reduce dal 2-0 nella semifinale di andata di Coppa Italia di categoria, la Primavera di Fabio Grosso sta preparando a Vinovo la gara di ritorno, in programma sabato al Pistoni di Ivrea.

      Il mister, tuttavia, è fiducioso: come ha confessato oggi nel corso di un’intervista esclusiva rilasciata a JTv, il suo gruppo ha tutte le carte in regola per ribaltare il risultato e giocarsi la Coppa in finale.

      Sabato non serviranno miracoli: la Primavera bianconera dovrà solo giocare con la stessa foga agonistica e la stessa determinazione mostrata a Formello, salvo essere più cinica sotto porta.

      «Sicuramente è un risultato che non meritavamo, ma la prestazione ci fa ben sperare: siamo convinti che dando il 120% tutti quanti potremo riuscire a tenerla in gioco fino alla fine e a provare a qualificarci», è stata l’analisi di Fabio Grosso nella chiacchierata odierna con il canale ufficiale bianconero.

      «Il risultato purtroppo ci ha penalizzato, però il calcio è bello perché spesso può succedere anche qualcosa che è difficile da pensare», ha aggiunto il tecnico bianconero – uno che di imprese in semifinale ne sa qualcosa.

      Nonostante il risultato racconti di un’altra partita, infatti, quella di sabato scorso è stato uno dei match in cui i suoi ragazzi hanno saputo creare il maggior numero di nitide occasioni da gol – soprattutto all’interno dell’area di rigore.

      «Abbiamo fatto una bellissima partita. L’atteggiamento, il coraggio e la voglia di essere padroni del campo – che è quello che provo sempre a chiedere sempre ai ragazzi – devono farci ben sperare. Sappiamo che il nostro è un percorso difficile, ma credo che stiamo iniziando ad intravedere cose belle e sono sicuro che finiremo alla grande. Mi auguro che avremo questo exploit già da sabato, e sono convinto che ce la giocheremo fino all’ultimo minuto»

      Contro la Lazio il mister ha schierato due nuovi arrivi dal primo minuto, ovvero Claudio Zappa come terzino sinistro e Andrea Favilli in attacco : «Claudio aveva giocato poche partite, veniva dal Sassuolo. Ne intravediamo le prospettive importanti, e già da questa prima partita ha risposto molto bene: ha fatto una grande gara, è un ragazzo a cui piace lavorare. Sono convinto che ha davanti a sé un futuro roseo», è stato il commento di Grosso sul primo dei due neo-bianconeri.

      Con il n. 9 ha invece giocato Favilli, lo stesso attaccante capace di impressionare il tecnico Primavera nel primo turno di Coppa Italia, quando segnò peraltro il gran gol del momentaneo 2-2: «E’ un ragazzo del ’97, ancora ha davanti due anni e tanto tempo per poter crescere qui. Non bisogna sprecarlo. In quella partita lui fece una grande gara, mi impressionò per le sue qualità e la disponibilità nei confronti dei compagni e ci mise molto in difficoltà. Da lì nacque l’idea, e la società ha fatto il percorso per poterlo portare qui con noi. Sono contentissimo di poterlo allenare».

      Ai nuovi innesti sono corrisposte, durante la sessione di mercato invernale, anche alcune partenze come quella di Donis, Hromada, Soumah giusto per citarne alcuni.  

      A tutti loro il mister rinnova pubblicamente un grande in bocca al lupo, dopo le parole di incoraggiamento spese nello spogliatoio: «Ci sono tanti percorsi, alcuni sono più tortuosi altri ed altri che sembrano facili inizialmente, mentre poi nascondono insidie. L’importante è farsi trovare pronti: ognuno di essi può portare a grandi soddisfazioni. Sono contento che siano arrivati tanti ragazzi interessanti con grande qualità: abbiamo una rosa in grado di finire questo campionato in maniera molto positiva».

      Nonostante lo svantaggio da cui si parte sabato, insomma, la sfida di Coppa Italia non fa paura, così come quelle che si pareranno innanzi al cammino di una Primavera che, fin da inizio stagione, ha avuto il coraggio di schierare giocatori più giovani rispetto alla media delle altre squadre - anche a scapito di perdere qualche punto in campionato: «Sappiamo che facciamo parte di una società di grande peso, e ovviamente è bello anche poter giocare per ottenere il risultato. Il nostro è un percorso di crescita ma dobbiamo dare il massimo per cercare di raggiungere i nostri obiettivi», ha concluso il mister. «Sabato siamo ad una partita dal giocarci una coppa, e anche nel Settore Giovanile questo significa mettere una firma nella storia della società. E’ importante che i ragazzi lo sappiano, e cercheremo sabato di dimostrare che questa firma possiamo metterla»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK