Juventus
    25.03.2015 19:30 - in: Serie A S

    Pepe: «Volere è potere»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    «In Coppa Italia possiamo ribaltare il risultato e in campionato dobbiamo continuare a fare bene per chiudere il discorso. La Champions? Quando arrivi tra le prime otto d'Europa vuol dire che ti confronti con le migliori e dovremo essere bravi»

    «Volere è potere». Sembra uno slogan, è una filosofia ben precisa. Quella che ha permesso a Simone Pepe di superare il momento più buio della sua carriera, lavorare sodo, lasciarsi alle spalle l'infortunio e ripartire con nuove certezze: «Me le dà la continuità negli allenamenti – spiega l'esterno ai microfoni di Mediaset - Sono otto mesi che lavoro e questo è un vantaggio importante. Ci sono stati momenti difficili, perché quando fai questo lavoro e per due anni e mezzo non riesci a giocare e ad allenarti, ovviamente non sei felice, ma ora è passato. Preferisco il presente che ci sta dando grandi soddisfazioni».

    Simone non ripercorre solo il lungo periodo lontano dal campo, ma anche quelli più felici. E tra i tanti vissuti in bianconero, se deve scegliere non ha dubbi: «La partita a Trieste che ci ha dato il primo scudetto, mentre se devo decidere tra i gol segnati, dico quello contro il Parma alla prima di campionato, anche se forse la rovesciata contro la Lazio è stata più bella».

    Venendo alla stagione attuale Simone non si pone limiti: «In Coppa Italia possiamo ribaltare il risultato a Firenze, mentre in Champions dovremo essere bravi. Tutti dicono che il sorteggio è stato favorevole, ma quando arrivi tra le prime otto d'Europa vuol dire che stai giocando contro le migliori. E poi c'è il campionato, dove dobbiamo continuare a fare bene e chiudere il discorso il prima possibile».

    Vista la Juve delle ultime uscite, sognare è lecito su tutti i fronti, anche grazie ai campionissimi come Tevez, aspettando il rientro di Pogba: «Carlos è un ragazzo top. È devastante e può spostare gli equilibri in qualsiasi momento. Giusto l'altro giorno gli dicevo “adesso sì che sei uno dei quattro, cinque giocatori più forti con cui ho giocato”. E poi insieme a Buffon e Pirlo è uno dei leader dello spogliatoio. Pirlo però è un leader tecnico, Gigi e Carlos sono leader caratteriali. Pogba? Dio gli ha regalato fisico, tecnica... tutto quello che un calciatore può volere. È un giocatore stratosferico – conclude Pepe - sta solo a lui continuare a lavorare e rimanere sereno».


     


     


     


     


     


     

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK