Juventus
    Juventus
      23.01.2015 17:15 - in: La squadra S

      Pogba: «Il gol più importante? Il prossimo».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Il francese fotografa la stagione della Juve e si racconta ai tifosi su Jtv: «Vogliamo andare lontano»

      Le sue origini, il tempo libero ma anche una disamina tecnica sul calcio italiano e sull’andamento della stagione bianconera: è un Pogba a 360 gradi quello che risponde alle domande dei fans a Filo Diretto.

      Pogboom, che prima della trasmissione ha ricevuto il premio “Joueur de l’année”, attribuitogli dal sito sportivo Calciomio.fr, ricorda in diretta uno dei momenti più belli in maglia bianconera: la prima rete a Torino.

      Paul è un ragazzo che non dimentica le sue origini, come spiega illustrando la sua esultanza: «Si tratta di un balletto che facevo con i miei amici in Francia. Per me è un modo per non dimenticare le mie radici».

      A Torino, però, sembra avere trovato un ambiente ideale dove vivere: «È una città perfetta per un calciatore. Si sta bene ma allo stesso tempo si riesce sempre a restare concentrati sul proprio lavoro. Mi trovo molto a mio agio».

      Pogboom confessa la sua passione per la musica: «Mi piace ballare tutti i tipi di ritmo», spiega, anche se i tifosi da qualche settimana hanno scoperto questo suo talento:
       



      Dal francese anche una rivelazione sul suo tempo libero: «Sono tranquillo, amo riposarmi e magari guardare qualche bella serie televisiva. Oppure uscire con i miei compagni, come Evra e Llorente, che mi sta insegnando anche un po’ di spagnolo».

      Venendo ai temi sportivi, Pogba non manca di ripetere quella che è la parola d’ordine dei giocatori bianconeri: vincere.


      «Noi non giochiamo per battere la Roma, scendiamo in campo per superare tutti, partita dopo partita. In questo momento non abbiamo ancora vinto il campionato, quindi ogni sfida è fondamentale, a partire da quella di domenica contro il Chievo», continua il francese.

      E poi ancora uno sguardo al campionato italiano: «Dalla mia esperienza posso dire che quello italiano è il campionato maggiormente tattico: tutte le difese sono molto forti».

      Date le sue origini francesi, è quasi inevitabile un parallelo con i grandi campioni transalpini che lo hanno preceduto in maglia bianconera, come Zidane e Platini. Cosa “ruberebbe” loro Pogboom? «A Zidane la tecnica, a Platini la precisione».

      Scusate se è poco.

       

      Guarda la Gallery di Pogba a Filo Diretto

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK