Juventus
    13.05.2015 23:57 - in: Champions League S

    Tevez: «Vogliamo portare la Juve nella storia»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Trascinatore in campo e anche dopo il fischio finale, Carlitos non si accontenta e ora vuole alzare il trofeo (per la seconda volta nella sua carriera). Naturalmente.

    «Ecco che si avvicina Carlos Tevez: voglio fare i complimenti a questo giocatore straordinario, ora ve lo lascio che è l’artefice della stagione insieme a tutti i ragazzi».

    E così, mentre Allegri stava finendo di rilasciare la sua intervista post-partita, arriva l’Apache con un sorriso enorme, ebbro di gioia per aver conquistato la sua terza finale di Champions in carriera.

    Ogni copione salta, come è normale in questi casi, e così il microfono passa immediatamente al delantero argentino, uno dei trascinatori di questo gruppo straordinario.

    E allora lasciamo anche noi, idealmente, la parola al nostro immenso numero 10:

    «Adesso dobbiamo sfruttare questo momento, il mio pensiero è che questa squadra ha meritato questa finale e andiamo a Berlino a giocarci partita secca contro grande Barcellona. La grandezza di questa squadra è che un gruppo, vero: abbiamo dimostrato per tutta la partita che siamo qui per fare grandi cose», ha detto Tevez.

    «Il mister ha programmato entrambe le partite alla grande, alla perfezione: è lui che fa la formazione e ci mette in campo con tanta fiducia»

    Sulla partita contro il Real, intensa e difficilissima, questa invece l’analisi di Carlitos: «Stasera la squadra ha tirato poco: quando prendevo palla Morata stava aperto, e io giocavo sempre con un difensore: dovevo scaricare e andarmi a cercare palla nello spazio, e loro si chiudevano bene».

    E Berlino? Come sarà reincontrare da avversario il compagno di nazionale Messi?

    «Messi ora è il miglior giocatore del mondo si è visto in semifinale, fa cose pazzesche di un altro pianeta. Non vedo l’ora di incontrarlo. Saranno due partite belle, vogliamo portare la Juve nella storia. Dobbiamo preparare al meglio la partita».

    E così sia allora, Carlitos. Ma per stasera godiamoci questa gioia immensa.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK