Juventus
    Juventus
      01.04.2015 15:29 - in: La squadra S

      Un Tweet dopo l'altro, che successo il #Tlk2Max!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Non si è risparmiato il nostro Mister durante la chiacchierata di oggi via Twitter. Video, messaggi, aneddoti. E anche una piccola esibizione canora…

      È un Allegri a 360 gradi quello che si è raccontato oggi ai tifosi bianconeri su Twitter, in occasione del #Tlk2Max. I fans hanno letteralmente preso d’assalto il nostro account ufficiale e il tecnico ha partecipato con entusiasmo. Niente formalismi e convenevoli, il clima è fin da subito quello di una chiacchierata fra amici:

      Tanto per cominciare il Mister mette in chiaro, casomai ce ne fosse bisogno, quale sia il suo legame con la Juve: una storia che parte anni fa, come racconta lui stesso.

      Inevitabile, a meno di due settimane dalla sfida di Champions League contro il Monaco, fare il punto della situazione sul cammino europeo. «Ho sempre avuto fiducia nel nostro passaggio del turno – racconta il Mister – Dopo la vittoria di Dortmund sono convinto che dobbiamo credere di potere continuare il torneo, anche se il Monaco è un avversario molto più pericoloso di quello che tutti pensano». 

      Non è la semifinale di Champions l’unico obiettivo che la Juve insegue, oltre ovviamente allo Scudetto. La settimana prossima i bianconeri vanno a giocare a Firenze per ribaltare il risultato dell’andata e conquistare la finale di Tim Cup. Ecco cosa ne pensa il Mister:

      Non mancano anche le disamine tecniche. Anche perché, come ammette Allegri stesso, questo è un aspetto per lui fondamentale:

      In molti hanno notato come l’allenatore non sia legato a doppio filo a un modulo di gioco. Lo conferma lui stesso: «Posso giocare a 3 o 4 dietro, poi si cambia: i moduli contano relativamente». Sotto il profilo tecnico e tattico non ha dubbi, Allegri, nell’individuare il match migliore dell’anno: «Senza dubbio quello contro la Lazio, a Roma. È stata una partita interpretata ottimamente». 

      Inevitabili le domande dei tifosi sui singoli giocatori. Pogba? «Dà il meglio in un centrocampo a tre». Pereyra? «Sono molto contento di come si è calato nella nostra mentalità, deve migliorare in fase offensiva». Tevez? «Non smette mai di stupire». Ma se gli si chiede chi sia il suo giocatore più importante, Max elogia il gruppo:

      È un rapporto, quello del Mister con la Signora, sempre più stretto:

      E poi c’è lo Stadium: «Giocare in questo stadio è un’emozione unica, è un valore aggiunto che tutti noi percepiamo quando disputiamo le partite in casa». 

      Stadium significa anche il boato dei tifosi: Allegri ha saputo entrare nei loro cuori partita dopo partita. «Avevo promesso di riuscirci grazie ai risultati, per questo conquistare il popolo bianconero era uno dei miei obiettivi più grandi», spiega. 

      Non pensiate, però, che sia stata una passeggiata, la chiacchierata del Mister con il popolo bianconero. Come già era successo a Barzagli e Pepe, il tanto temuto tweet è arrivato: «Ci canti l’inno?». Guardate com’è andata.



      Guarda la Gallery

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK