Juventus
    24.07.2015 09:48 - in: Eventi S

    #OnThisDay iniziava l’avventura Lippi

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Con l’amichevole Buochs-Juventus, vinta dai bianconeri per 1-6, si apriva ufficialmente il ciclo di uno degli allenatori più vincenti della storia della Signora

    Nella settimana estiva in cui iniziano gli impegni amichevoli per la Juve, ricorre l’anniversario di una partitella che segnò l’inizio di un ciclo vincente durato – in due fasi – otto stagioni, 405 partite e 13 trofei, tra cui cinque scudetti, una Champions League ed una coppa Intercontinentali.

    Parliamo dell’epoca sulla panchina bianconera del tecnico viareggino Marcello Lippi. Parliamo dell’amichevole Buochs-Juventus terminata 1-6.

    “Diplomatico, corretto, realista. La Juventus del nuovo corso si affida ad un tecnico che non ama gli svolazzi tattici, preferendo la concretezza di un calcio semplice seppur raffinato. Con la calma come grande virtù”

    Furono le prime parole a lui dedicate da Hurrà Juventus nel luglio 1994, in un’edizione dal titolo L’Uomo della Signora.  

    Ecco come proseguiva l'articolo.

    “La Juve del rinascimento non poteva scegliere nome più pertinente e suggestivo: Marcello Lippi. Non è un discendente del pittore del ‘400, ma l’erede diretto di Trapattoni. Ed ecco l’uomo. L’uomo del rilancio e delle speranze. Dopo aver fatto gavetta come tecnico a Pontedera, Siena, Pistoia, Carrara, Cesena e Lucca setacciando moduli (zona, uomo e mista uomo – zona) per scoprire la verità, il nuovo tecnico della Juve si è affacciato su ribalte più importanti come quelle bergamasche e partenopea. E oggi siede sulla panchina bianconera. Perciò si appellano a lui i milioni di tifosi sparsi sotto tutti i cieli della Penisola, che vogliono rivedere quel pezzetto di raso tricolore cucito l’ultima volta sulle maglie dei loro campioni nella primavera dell’86. 

    “Lippi smentisce l’impietosa autocritica del corregionale Curzio Malaparte, secondo cui i toscani hanno il paradiso negli occhi e l'inferno sulla bocca. Marcello è un viareggino dalla lingua sciolta però misurata, disponibile, garbato. Le sue frasi non sono mai tuoni, piuttosto rasserenano, come lo sguardo limpido. Ma guai se si tradisce la sua buona fede, gli salta la mosca al naso ed è capace di rovinare perfino un buon rapporto di vicinato. Però prima tenta di salvarlo, tirando fuori il rospo, spiegando e chiedendo spiegazioni. Un metodo a cui non ricorre mai per interposta persona. È comunque un buon esemplare di diplomazia, nel senso che cura i rapporti interpersonali con l'abilità di un ambasciatore e la misura dei farmacisti".

     

    "La bravura nel gestire uno spogliatoio è il suo forte, basta guardare come viene fuori dalla tribolata stagione napoletana, in un mare di guai e incertezze societarie. Non ha mai perso la calma e la barca azzurra è andata in porto, regolarmente. In panchina (o alla lavagna) traccia linee concrete , non sogna a occhi aperti, è un realista all'italiana che lascia perdere gli svolazzi”

    «La Juventus ha come obbiettivo quello di riaprire un ciclo, come negli Anni '70 e 'BO. [Bettega] mi ha chiesto se ero disponibile: ho accettato con felicità, poiché la Juventus e l 'obbiettivo prestigioso che ognuno, giocatori e tecnici, si prefigge di raggiungere»

    Marcello Lippi Luglio 1994
    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK