Juventus
    Juventus
      25.09.2015 12:38 - in: Serie A S

      #OppositionWatch: il Napoli

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Numeri, statistiche, uomini chiave, primati di squadra: come le statistiche raccontano l’inizio di campionato degli uomini di Sarri

      Il Napoli, avversario di domani della Signora (Stadio San Paolo, ore 20.45), occupa al momento l’undicesima posizione in classifica: dopo cinque partite i partenopei hanno un punto più della Juventus, sei in totale, frutto di una vittoria, tre pareggi e una sconfitta. In casa il Napoli ha giocatodue partite, senza perdere (un pareggio e una sconfitta), segnando ben 7 reti e subendone solo 2 e conquistando fra le mura domestiche quattro dei sei punti in graduatoria. In totale sono dieci i gol segnati, sei quelli subiti. 99 i tiri della squadra di Sarri in queste prime partite, il 40% dei quali nello specchio.

      La disposizione tattica
      Difesa a quattro, centrocampo a tre e attacco che varia: col tridente oppure con due punte e il trequartista: così ha giocato il Napoli nelle ultime tre apparizioni di campionato. Sempre prendendo come riferimento gli ultimi 3 match si nota come i punti fissi della formazione partenopea, oltre al portiere Reina, siano siano Albiol e Hysaj in difesa, Hamsik e Allan a centrocampo. In attacco sempre in campo Higuain e Insigne (quest’ultimo contro l’Empoli ha giocato dietro le due punte, appunto l’argentino insieme a Gabbiadini).

      Mister vs Mister
      Gli unici due precedenti in Serie A tra Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri risalgono alla scorsa stagione: due vittorie per l’allenatore bianconero (Sarri allenava l’Empoli). Quanto ai precedenti contro l’avversaria di giornata: due sconfitte su due partite per Sarri contro la Juve (appunto, lo scorso anno), perfetto equilibrio invece per Allegri contro il Napoli: su 12 partite, 5 vittorie, 5 sconfitte e 2 pareggi.

      I gol: segnati e subiti
      Sono dieci le marcature degli azzurri finora in Serie A, nove delle quali entro i primi 60 minuti di gioco (sei nei primi tempi). Il Napoli ha messo a segno sette gol da dentro l’area, tre da fuori. Anche i gol subiti, sei, sono arrivati quasi tutti entro l’ora di gioco: solo uno infatti è stato incassato da Reina nell’ultimo quarto d’ora di partita. Come la Juve, il Napoli non ha ancora vinto partite nelle quali è stato in svantaggio (è accaduto due volte, un pareggio e una sconfitta)

      Gli uomini chiave
      Iniziamo con il capocannoniere della squadra, Gonzalo Higuain. Per lui, finora, quattro gol (tre di sinistro e uno di destro), dato che lo colloca al secondo posto della classifica marcatori, insieme a Quagliarella e dietro a Eder. Non solo: per l’argentino finora anche la bellezza di 21 tiri e la partecipazione a 31 azioni che hanno portato alla conclusione verso la porta avversaria. Sono invece due le reti per Insigne: il giocatore partenopeo ha anche nel suo score 2 assist (alla pari con Gabbiadini), 31 tiri, 14 occasioni create.
      Il Napoli gioca con una fitta ragnatela di passaggi: non a caso, sono della squadra azzurra due dei tre maggiori “passatori” del campionato finora:Hamsik, al primo posto con 370, e Albiol con 331.

      I primati di squadra: lo StatAttack

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK