Juventus
    Juventus
      30.08.2015 20:35 - in: Match Report S

      All'Olimpico decidono Pjanic e Dzeko

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      La Juve, in dieci per l'espulsione di Evra, si scuote troppo tardi e il gol di Dybala e l'arrembaggio finale non bastano a raddrizzare la gara

      Un calcio di punizione di Pjanic e un colpo di testa di Dzeko, entrambi nella ripresa, condannano la Juve alla seconda sconfitta consecutiva, che il gol di Dybala e il miracolo di Szczesny nel finale sul colpo di testa di Bonucci, rendono ancora più amara. I bianconeri tengono il punteggio in parità per un'ora, ma creano troppo poco in avanti, almeno fino ai minuti di recupero, e devono così arrendersi ad una Roma decisamente più volitiva.

      I giallorossi partono a mille e producono subito un sinistro sporco di Keita, uno di Iago Falque ben fuori misura e un contropiede sciupato da Florenzi. I bianconeri provano a uscire dal guscio, ma fanno fatica a costruire l'azione. L'iniziativa così rimane ai padroni di casa, che  al 24' vanno vicini al vantaggio con Pjanic, che prende in pieno il palo con un destro di prima intenzione dal limite. Il bosniaco ci prova anche su punizione, da distanza abissale e Buffon blocca sicuro.

      Il primo tempo si chiude così a reti bianche, ma con poche emozioni e poca Juve da raccontare.

      L'avvio di ripresa offre qualcosa in più, come il colpo di testa di Chiellini su angolo di Dybala, messo fuori da De Rossi, e la sventola di Caceres che conclude l'azione sparando il destro lontano dalla porta. La Roma risponde con Pjanic, che riesce a girarsi in area e a calciare, senza però dare forza sufficiente al pallone. L'intervento di Buffon è semplice, a differenza di quello che deve compiere pochi minuti dopo, quando respinge di piede il rasoterra di Dzeko. Sulla punizione di Pjanic al 16' invece il portiere rimane pietrificato e il destro scavalca la barriera e si insacca.

      Allegri interviene immediatamente, inserendo Morata al posto di Mandzukic e la Juve reagisce. Dybala mette sopra la traversa un calcio piazzato dal limite, poi pennella un corner per la testa di Pogba, che schiaccia a fil di palo. Si deve tenere alta la soglia di attenzione però, perché quando la Roma avanza è pericolosa e Buffon deve distendersi per mettere in angolo la fiondata di Nainggolan.

      La Juve passa alla difesa a quattro con l'ingresso di Pereyra al posto di Lichtsteiner, ma è ancora Dzeko a far paura, calciando dal dischetto a botta sicura e colpendo in pieno Chiellini. A un quarto d'ora dal termine fa il suo esordio in bianconero Juan Cuadrado, in campo al posto di Padoin, ma i piani di Allegri vengono scombinati dall'espulsione di Evra, che rimedia due gialli in tre minuti. Se poi si aggiunge che la Roma, appena si trova con l'uomo in più, passa ancora con il colpo di testa di Dzeko, servito in area da Iago Falque, ecco che la gara dei bianconeri sembra chiudersi qui.

      Invece la Juve non molla e a tre minuti dal 90' Pereyra serve in area Dybala che accorcia le distanze e tiene viva la speranza. A soffocarla ci pensa Szczesny che va a togliere dall'incrocio l'incornata di  Bonucci in pieno recupero. Va vicino al pareggio anche Morata, che però alza troppo la mira da buona posizione. Insomma negli ultimi minuti, in dieci uomini, la Juve colleziona più occasioni di quanto fatto in tutta la gara. Segno evidente che, con una maggiore convinzione, la partita avrebbe potuto avere un copione diverso. Ecco perché la sosta per le Nazionali non potrà che essere benefica: la squadra ora ha bisogno di tranquillità, di lavorare, di trovare l'amalgama e di ritrovare il giusto spirito. Perché il suo campionato inizia tra due settimane.

      ROMA-JUVENTUS 2-1

      RETI: Pjanic 16' st, 34' st Dzeko, Dyba 42' st

      ROMA
      Szczesny; Florenzi, Manolas, De Rossi, Digne; Nainggolan, Keita, Pjanic; Iago (44' st Ljajic), Dzeko (48' st Ibarbo), Salah (32' st Iturbe).
      A disposizione: De Sanctis, Castan, Capradossi, Anocic, Gyomber, Uçan, Paredes, Ibarbo, Gervinho, Totti.
      Allenatore: Garcia

      JUVENTUS
      Buffon; Caceres, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner (28' st Pereyra), Pogba, Padoin (30' st Cuadrado), Sturaro, Evra; Dybala, Mandzukic (17' st Morata).
      A disposizione: Neto, Rubinho, Barzagli, Rugani, Vitale, Alex Sandro, Zaza.
      Allenatore: Allegri

      ARBITRO: Rizzoli
      ASSISTENTI: Cariolato, Tonolini
      QUARTO UFFICIALE: Padovan
      ARBITRI D'AREA: Banti, Irrati

      AMMONITI: 22' pt Pogba, 37' pt Chiellini, 13' st Pjanic, 19' st De Rossi, 30' st Evra, 32' st Dzeko, 33' st Evra

      ESPULSI: 21' st Rubino, dalla panchina per proteste, 33' st Evra per doppia ammonizione

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK