Juventus
    Juventus
      18.11.2015 10:40 - in: Serie A S

      Bianconeri in nazionale, l’ultimo giorno

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Nelle partite disputate ieri (non sono state giocate quelle di Germania e Spagna) calciatori juventini protagonisti con gol e assist

      Pareggia l’Italia contro la Romania grazie ad un superbo Marchisio; vincie l’U21 di Rugani e l’Uruguay, con rete di Caceres; successo di misura dell’Argentina, con Dybala in campo nel finale e vicinissimo al gol; la Croazia passa sulla Russia anche grazie a Mandzukic, a segno; bene anche la Svizzera, con Lichtsteiner che tuttavia lascia il terreno di gioco nel primo tempo e perde, infine, la Francia in una partita, quella di Wembley, i cui valori trascendevano il terreno di gioco dopo gli attentati di Parigi di venerdì scorso. Non sono state giocate invece Germania-Olanda, annullata per allarme bomba allo stadio di Hannover, e Belgio-Spagna, il cui rinvio per motivi di sicurezza era già stato annunciato ieri.

      Questo, in sintesi, quanto successo ieri nell’ultima giornata di impegni internazionali per i nostri giocatori, che hanno fatto rientro dopo le rispettive gare a Torino. A Vinovo Allegri è già al lavoro con i calciatori rimasti allo Juventus Center per preparare la partita contro il Milan, e da oggi potrà contare anche sull’apporto di chi ha trascorso l’ultima settimana in ritiro con la propria nazionale.

      Partiamo da Bologna, dove la Nazionale del ct Conte è scesa in campo per l’ultimo impegno del 2015 con il Tricolore francese, accompagnata dall’inno transalpino, in ricordo delle vittime di Parigi (commemorazioni si sono tenute su tutti i campi). Decisivo nel corso del match il Principino Marchisio, che ha prima trasformato il rigore del pareggio italiano (dopo lo svantaggio iniziale firmato da Stancu) spiazzando il portiere, quindi ha servito l’assist (splendido no-look) per la realizzazione di Gabbiadini. Di Andone il pareggio allo scadere, quando in porta Sirigu aveva rilevato Buffon. In campo per tutto il match, invece, il trio difensivo Barzagli, Bonucci e Chiellini.

      I gol di Berardi e Benassi hanno consentito all’U21 di battere la Lituania nella gara di qualificazione a Euro 2017, con Rugani in campo dal primo all’ultimo minuto al fianco del prossimo avversario in campionato, Romagnoli. 

      Una delle gare più attese del giorno era il big match Uruguay-Cile, ovvero la sfida tra ex compagni di squadra Caceres, Isla e Vidal.  A spuntarla è stata la nazionale del primo, che ha confermato la sua vena di bomber all’occasione andando in rete insieme ai compagni Godin (autore del vantaggio) e Alvaro Pereira. El Pelado aveva messo la sua firma sul tabellino anche nello scorso ottobre, in Bolivia, e ieri sera si è confermato decisivo non solo sulla fascia sinistra, ma anche in area di rigore avversaria (in elevazione perfetta su calcio d’angolo).

      Torna a respirare invece l’Argentina, che recupera punti preziosi in chiave qualificazioni mondiali battendo una Colombia orfana di Cuadrado ma con i milanisti Bacca e Zapata in campo dal primo all’ultimo minuto. Di Lucas Biglia il gol decisivo ad inizio partita, ma da segnalare l’apporto di Dybala, entrato in campo al posto di Di Maria e subito messosi in luce con un gol (annullato per fuorigioco) ed uno sfortunato palo.

      C’è stata anche gloria per Mandzukic, ieri, nell’1-3 con cui la Croazia ha superato la nazionale russa. Tutti ‘italiani’ i gol: parliamo, oltre che di quello di Marione in scivolata, d’opportunismo, anche delle reti di Kalinic e Brozovic, giocatori di Fiorentina ed Inter.

      Solo 18’ in campo per Stephan Lichtsteiner, sostituito da Lang mentre la Svizzera conduceva 0-1 sull’Austria (1-2 il risultato finale). 

      A Wembley infine, concentrandoci solamente su quanto accaduto sul terreno di gioco dopo che tutto lo stadio ha intonato la Marsigliese (uno dei momenti più toccanti della serata), l'Inghilterra ha battuto la Francia per 2-0. Ha potuto rifiatare Evra, in panchina, mentre Pogba ha disputato solamente gli ultimi 45', entrando ad inizio ripresa quando già la sua nazionale era sotto di un gol (Alli) e poco prima del raddoppio di Rooney. 

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK