Juventus
    12.09.2015 22:52 - in: Match Report S

    Dybala risponde a Hetemaj, con il Chievo è 1-1

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Contro i veronesi la Juve va sotto dopo appena cinque minuti e agguanta il pareggio nel finale grazie al rigore procurato da Cuadrado e trasformato dall'argentino.

    La Juve con il Chievo non va oltre il pareggio e muove appena appena la classifica. Un risultato che, visto come si stava indirizzando la partita, va accolto senza storcere il naso, perché i bianconeri si trovano subito ad inseguire e serve ben più di un'ora per riacciuffare i veronesi.

    Allegri propone fin dall'inizio le novità Alex Sandro ed Hernanes, tenendo Pogba in panchina, ma non c'è quasi il tempo di vederli all'opera che la gara si mette in salita: quando Hetemaj raccoglie un traversone sporco al limite dell'area e spara il destro nell'angolino superando Buffon sono passati appena cinque minuti. Un avvio amarissimo, che il Profeta cerca subito di addolcire con una fiondata di destro messa in angolo da Bizzarri. Il portiere gialloblu è invece fuori causa sul successivo tiro-cross di Pereyra,  però Bonucci arriva in ritardo per un soffio. Poco dopo il Tucumano, complice il clamoroso liscio di Cesar si trova con la porta spalancata e il pallone sul destro, ma viene tradito dalla fretta e sparacchia alto. La girata di Dybala fa la stessa fine, al termine di un'azione caparbia, che è lo specchio dei primi venti minuti dei bianconeri:  tenaci, reattivi dopo lo svantaggio, ma anche poco lucidi.

    I gialloblu oltretutto difendono bene e riescono a mettere lo zampino anche nelle trame migliori dei bianconeri, come quella che porta Sturaro a girare di testa a lato dopo il suggerimento di Pereyra. Ecco allora che i tentativi dal limite di Marchisio e Dybala, nel finale di tempo, sembrano più figli della frustrazione che di reale convinzione.

    Serve una scossa e Allegri prova a darla iniziando la ripresa con Pogba al posto di Marchisio, spostando Hernanes in cabina di regia e Pereyra sulla tre quarti. È però il Chievo a sfiorare il raddoppio, evitato solo dal riflesso di Buffon che devia sul palo la girata di Cesar.

    Il conto dei legni viene pareggiato ben presto ed è davvero solo per mala sorte che i bianconeri non riequilibrano anche il punteggio al 13': Pereyra si libera al limite e con un destro rasoterra centra in pieno il palo. Sulla respinta c'è Pogba, che può calciare in porta con Bizzarri ormai fuori causa e sulla traiettoria trova Castro. Non è finita, perché Dybala si coordina per la sforbiciata, ma mette a lato. Il Chievo troverebbe anche il gol del 2-0 con Cesar, che però trattiene vistosamente Bonucci prima di mettere in rete il traversone di Rigoni e le speranze della Juve restano vive. Allegri prova ad alimentarle inserendo Cuadrado al posto di Sturaro e passando al 4-2-3-1, con Mandukic, in campo per Morata, punto di riferimento centrale. La mossa è azzeccata: il colombiano dà subito vivacità al gioco ed è proprio lui, dopo che Bizzarri risponde per due volte ai tentativi di  Hernanes, a procurarsi il rigore che Dybala spedisce sotto l'incrocio.

    È il gol che chiude la partita e che permette ai bianconeri, quantomeno, di evitare la terza sconfitta consecutiva e di ottenere il primo punto in classifica, prima di affrontare il City in Champions. E martedì, a Manchester, servirà una Juve diversa.

    JUVENTUS-CHIEVO 1-1

    RETI: Hetemaj 5' pt, Dybala (rig) 38' st

    JUVENTUS
    Buffon; Caceres, Barzagli, Bonucci, Alex Sandro; Pereyra, Marchisio (1' st Pogba), Sturaro (20' st Cuadrado); Hernanes; Dybala. Morata (28' st Mandzukic)

    A disposizione: Neto, Audero, Lichtsteiner, Chiellini, Rugani, Padoin, Zaza, Lemina.
    Allenatore: Allegri

    CHIEVO
    Bizzarri; Frey, Gamberini (14' st Dainelli), Cesar, Gobbi; Castro, Rigoni, Hetemaj; Birsa (28' st Pepe); Paloschi, Meggiorini (21' st Pinzi).
    A disposizione: Bressan, Seculin, Sardo, Mattiello, Cacciatore, Dainelli, Christiansen, Mpoku, Pellissier, Inglese.
    Allenatore: Maran

    ARBITRO: Guida
    ASSISTENTI: Marzaloni, Pegorin
    QUARTO UFFICIALE: Ranghetti
    ARBITRI D'AREA: Damato, Di Paolo

    AMMONITI: 21' pt Castro, 36' pt Hernanes, 4' st Alex Sandro, 5' st Birsa, 32' st Cesar, 36' st Pepe, 46' st Cuadrado, 47' st Bizzarri

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK