Juventus
    02.10.2015 16:19 - in: Serie A S

    Juve-Bologna, una storia lunga quasi un secolo

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    La prima volta bianconeri e rossoblu si affrontarono nel 1922. L’ultima, lo scorso anno.

    Domenica alle 18 si riapre il libro di una storia, quella di Juve-Bologna, che affonda le radici in anni molto lontani. Anni in cui, il campionato non era la Serie A, ma la Prima Divisione. E lo stadio non era il Comunale, né tantomeno il Delle Alpi, ma il campo di Corso Sebastopoli.

    Gli albori
    È il 30 aprile 1922, Juventus e Bologna si affrontano per la prima volta in campionato a Torino. Finisce 1-1, con vantaggio iniziale della Juve (Beccuti) e  pareggio di Della Valle. Pareggio la prima volta, pareggio anche la seconda, poco più di un anno dopo: il 6 giugno 1923, stavolta sul campo di corso Marsiglia a Torino, non è sufficiente per  il Bologna una doppietta di Perin, poiché la Juve recupera con Blando e impatta grazie a un’autorete.

    Per trovare nei libri di storia il primo successo bianconero occorre andare  ancora avanti: il 9 novembre 1924 è un gol di Rosetta a regalare la vittoria alla Juve, che era passata in vantaggio con Pastore ed era stata raggiunta da Genovesi all’85. Proprio un minuto dopo, arriva la stoccata dell’attaccante juventino.

    La prima in Serie A
    Si diceva che non si parla ancora di Serie A, ma di Prima  Divisione e poi di Divisione Nazionale. I confronti fra bianconeri e bolognesi nella massima serie iniziano nel 1930: sempre in Corso Marsiglia Cesarini e Varglien I firmano il 2-0 per la Juventus.

    Borel II: lui andò in gol contro il Bologna nel 1934

    Le statistiche storiche
    Da allora sono 68 i precedenti, 38 dei quali vinti dalla Juve e 25 terminati in parità. Solo 5 le vittorie felsinee, l’ultima delle quali nel febbraio 2011. La Signora con il Bologna ha messo a segno, fra le mura domestiche, 109 reti (una buona  media, 1.60 a partita) subendone meno della metà, 52.

    Le goleade
    Non è quasi mai un match facile, quello contro i rossoblu. Per questo motivo, le goleade non sono poi moltissime, e solo una volta si è andati oltre i tre gol di scarto. Accade nel 1955, la Juve mette a segno una cinquina propiziata dalla doppietta di Bronée, dalle reti di Mannucci e Colombo e da un autogol. Per tre volte nella storia arriva anche un 4-1: nel marzo 1934 (Borel II, Orsi, Ferrari e Monti), nell’aprile 1958 (Sivori, Charles, Boniperti e Stacchini) e, più di recente, nel marzo 2009 (Salihamidzic, Giovinco, doppietta di Del Piero). 

    Un 4-1, quello datato 2009, che arriva dopo altri due precedenti risolti con il minimo scarto, entrambi per 2-1,  nel 2005 (Cannavaro e Zalayeta, Giunti per i bolognesi) e nel 2003 (Iuliano e Trezeguet, in mezzo il pareggio di Signori), match cui fa riferimento questo scatto:

    Gli anni recenti: Pogba rompe l’equilibrio
    Uno a zero, due a uno. Analizzando a ritroso le ultime due Juve-Bologna si nota come la Signora abbia vinto due volte di misura (nel 2011 è anche stata anche fermata su un pareggio per 1-1). In entrambe queste partite, il match winner è Pogba: l’uno a zero è datato 19 aprile 2014 e marchiato da questo gol al minuto 64. Volete rivederlo? Andate al minuto 1'50'' di questo video...

    Il due a uno, invece, risale a meno di due anni prima (31 ottobre 2012): bianconeri avanti con Quagliarella, pareggio di Taider, e proprio al 92’ minuto…

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK