Juventus
    Juventus
      01.09.2015 18:36 - in: Unesco Cup S

      UNESCO Cup, Birindelli c’è!

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Così “Biri”in vista della sfida dell’8 settembre allo Juventus Stadium: «Speriamo che sia una bella serata di festa e che soprattutto lo stadio sia pieno: è per una grande causa»

      Le Legends bianconere hanno risposto con entusiasmo alla chiamata del Presidente David Trezeguet: fra loro, in campo martedì 8 settembre per l’UNESCO Cup contro le Legends del Boca Juniors ci sarà anche Alessandro Birindelli, che oggi, in collegamento telefonico con Jtv, ha spiegato i motivi della sua partecipazione.

      «David ha saputo raccontarci molto bene il suo coinvolgimento nei progetti che la  Juve porta avanti insieme all’UNESCO e che  lui stesso ha avuto modo di conoscere in prima persona questa estate. Decidere di esserci è stata questione di un secondo, non ci sono state esitazioni». Alessandro è sensibile al fine della manifestazione, i cui proventi sosterranno il centro TEMEDT di Bamako, Mali, e la scuola di arti e mestieri di Bangui, Repubblica Centrafricana: «Grazie anche alle parole di David ho compreso appieno il grande bisogno che hanno questi bambini che vengono integrati negli eserciti estrappati alla vita normale che ogni bimbo dovrebbe avere».

      Quindi anche lui l’8 settembre ci sarà: «Certo, anche se gli anni passano e il campo diventa sempre più lungo – scherza – Vogliamo comunque regalare il migliore spettacolo possibile al pubblico. Speriamo che lo Stadium sia pieno e che sia una grande serata di sport. Noi daremo volentieri il nostro contributo».

      In che cosa è impegnato, adesso, Biri? «In questi anni mi sono dedicato ai tifosi, visitando molti club: credo sia giusto che un giocatore dopo tanto tempo trascorso sui campi di calcio si vada a rendere conto di quanta passione ci mette chi lo sostiene domenica dopo domenica». Gli stessi tifosi che Alessandro fece impazzire di gioia con quell’assist per Zalayeta al Camp Nou nel 2003: «Senza dubbio è stato l’apice della mia carriera: le sfide con il Barcellona prima e con il Real Madrid poi in quella Champions League sono momenti indimenticabili».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK