Juventus
    20.05.2016 18:03 - in: Coppa Italia S

    «Abbiamo il dovere di cercare la vittoria». La carica di Mister Allegri

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    «La Finale di domani non è la fine di un ciclo, che semmai è appena iniziato. Dobbiamo cercare un traguardo storico». Così il tecnico bianconero in conferenza stampa

    La Juventus ha affrontato ogni match di questa incredibile stagione con la stessa filosofia: la ricerca della qualità tecnica, la concentrazionel’aggressività, che si trattasse di un match di campionato o di una sfida di Champions League.

    Logico quindi che, anche alla vigilia di Milan-Juve, i dettami di Mister Allegri siano gli stessi: li ha espressi con la solita chiarezza in conferenza stampa pre partita, all’Olimpico di Roma.

    «Consapevoli del fatto che giochiamo una Finale»

    «Avere i favori del pronostico non ci dà fastidio, anche perché siamo consci del fatto che non sarà per niente semplice. Per il Milan è l’ultima chance europea, inoltre non ha chiuso bene il campionato contro la Roma, vorrà reagire. Noi dovremo essere bravi, non avere superficialità e giocare con grande concentrazione e carica contro il Milan che ci vorrà mettere in difficoltà. Vogliamo giocarci questa partita, che è affascinante per il blasone delle due contendenti e per il fatto che, appunto, è una Finale, una sfida che non ha rivincita. Domani non finisce un ciclo: semmai è iniziato quest’anno, con tanti giovani e nuovi giocatori in squadra».

    Come si avvicinano i bianconeri?

    «Ci siamo allenati molto bene, lavorando con attenzione. Dopo due settimane più blande seguite alla conquista dello Scudetto abbiamo reagito bene, già con la Samp ho visto un approccio diverso, e la concentrazione è rimasta molto alta nei giorni scorsi».

    Le parole d’ordine per vincere

    Dovremo essere aggressivi e ordinati.
    Non solo: ai giocatori ho detto che le nostre caratteristiche devono essere quelle di sempre: entusiasmo volontà e chiarezza dell’obiettivo, sapendo che abbiamo una squadra di fronte che tenterà di batterci. E tecnica: nelle partite secche, in particolar modo, le grandi giocate possono cambiare il risultato».

    Che avversario troveremo davanti

    Così il Mister: «Il Milan ha un organico di qualità, tanti ottimi giocatori, come Bacca, Bonaventura, Honda, Montolivo, Kucka. Se sono ordinati e cattivi possono fare una buona partita, con noi in questa stagione sono stati match equilibrati».

    «Non indovinerete la formazione»

    Promette sorprese, il Mister? Non si sa, perché a parte questa criptica risposta qualche anticipazione arriva: «In attacco partiranno Mandzukic e Dybala, Morata e Zaza possono essere utili a gara in corso. Sono contento per Neto, che dopo un periodo di inattività sta rispondendo molto bene. Devo scegliere, per esempio, chi fare giocare da interno destro e davanti alla difesa».

    Assuefazione? No, grazie…

    In ultimo, una considerazione sull’approccio a una gara come domani: «Sarà emozionante giocare davanti a 65 mila persone, anche se a livello di emozioni mi porterò per sempre dentro l’incontro di oggi con il Santo Padre. Per il resto, giocare in palcoscenici del genere sarà fantastico come sempre; alle vittorie non siamo assuefatti, sennò da domenica smetteremmo di giocare, se vinciamo. Invece, dopo le vacanze, torneremo carichi perché avremo un’altra stagione in cui ci attendono obiettivi fantastici, come il sesto Scudetto, la Champions League e la Coppa Italia».

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK