Juventus
    Juventus
      24.09.2016 20:02 - in: Match Report S

      Al Barbera decide Dani Alves

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      La seconda rete del brasiliano in due gare permette alla Juve di superare un Palermo tosto, ma mai pericoloso

      Una Juve meno spettacolare rispetto alla gara contro il Cagliari, ma anche molto più attenta e cinica rispetto alla trasferta di Milano, supera di misura il Palermo con la seconda rete in due partite di Dani Alves e allunga momentaneamente in classifica, in attesa dei risultati delle inseguitrici.

      Al Renzo Barbera Allegri tiene a riposo Dybala e propone Higuain e Mandzukic che, fino ad oggi, hanno giocato insieme appena un'ora nell'amichevole estiva contro l'Espanyol.

      L'atteggiamento dei due attaccanti e di tutta la squadra è subito deciso e basta aspettare 12 secondi dal fischio d'inizio per vedere il primo tiro del Pipita, che alza troppo la mira dopo il suggerimento di Pjanic. Poi è il bosniaco, con un calcio piazzato da posizione defilata,  a impegnare il portiere rosanero. Quindi è Mandzukic, di testa, a rendersi pericoloso, mettendo sopra la traversa. Insomma, la gara, a parte qualche sporadica avanzata dei padroni di casa, è un monologo ed è sufficiente vedere la posizione di partenza di Alex Sandro e Dani Alves, quasi sulla linea degli attaccanti, per capire quanto i bianconeri vogliano chiudere la pratica il prima possibile.

      Il timbro potrebbe arrivare al 23', quando Pjanic imbecca Higuain con un lancio di 40 metri, ma il Pipita viene fermato dalla coraggiosa uscita di Posavec. Alla mezz'ora Rugani, in seguito ad un contrasto, deve lasciare il campo e al suo posto entra Cuadrado, all'esordio stagionale. Con l'ingresso del  colombiano la Juve si ridisegna in un 4-3-3 e sfiora immediatamente il gol in ripartenza: Higuain allarga per Lemina che cerca l'incrocio dei pali e trova la respinta di Posavec.

      La fase difensiva del Palermo è un esempio di determinazione e intensità e minuto dopo minuto si fa più precisa. La Juve non riesce a sfruttare a dovere le fasce, fa fatica a trovare l'uomo libero e il primo tempo si chiude senza sussulti.

      Si apre in modo ben diverso la ripresa: dopo appena quattro minuti, al termine di un'azione infinita che sembra non trovare sbocchi, Dani Alves scarica una saetta di destro da venticinque metri. Il pallone è diretto in porta e già così sarebbe piuttosto insidioso, ma quando Goldaniga prova ad intervenire maldestramente, diventa letale. La deviazione è determinante, ma il gol va attribuito al brasiliano, che segna così la sua seconda rete in bianconero, dopo quella messa a segno appena quattro giorni fa contro il Cagliari.

      Il Palermo ora è costretto a uscire dal guscio e prova ad alzare il ritmo della gara, ma la Juve ha troppa esperienza per non riuscire a gestire il gioco e il cronometro. Sono sempre i bianconeri i più pericolosi e al 21' Mandzukic sfiora il raddoppio, battendo al volo con il sinistro una corta respinta della difesa. Posavec è piazzato e alza sopra la traversa con un colpo di reni.

      Il duello tra i due croati si ripropone poco dopo ed è ancora il portiere palermitano ad avere la meglio, mentre quando Mandzukic riesce a mettere in rete, deviando la punizione di Dani Alves, è in fuorigioco. Poco prima Allegri aveva operato il secondo cambio della gara, inserendo Asamoah al posto di Pjanic. Il Palermo aumenta la pressione e per qualche minuto riesce a schiacciare i bianconeri, ma non riesce a produrre nulla di più di un traversone pericoloso di Aleesami, che attraversa l'area senza trovare compagni, e di un sinistro di  Nestorovski bloccato agevolmente da Buffon.

      A cinque minuti dal termine Allegri torna alla difesa a tre, cambiando Dani Alves con Chiellini. A questo punto le sostituzioni sono terminate e così quando Asamoah accusa un fastidio e deve lasciare il campo la squadra deve concludere la gara con un uomo in meno. Anche in dieci però la Juve controlla gli avversari e riesce a gestirne il forcing finale, portando a casa tre punti preziosi. Un ottimo modo per iniziare il ciclo di tre mini trasferte che, dopo Palermo, vedrà i bianconeri viaggiare fino a Zagabria per la sfida di Champions contro la Dinamo, e poi ad Empoli, per l'ultimo turno di campionato, prima della pausa.

      PALERMO-JUVENTUS 0-1

      RETI: 
      Dani Alves 4' st

      PALERMO
      Posavec; Cionek, Gonzalez, Goldaniga; Rispoli, Gazzi, Jajalo (23' st Bruno Henrique), Aleesami; Diamanti, Chochev (36' st Hiljemark); Balogh (15' st Nestorovski)
      A disposizione: Marson, Fulignati, Vitiello, Andelkovic, Sallai, Bouy,,Pezzella, Lo Faso
      Allenatore: De Zerbi

      JUVENTUS
      Buffon; Rugani (31' pt Cuadrado), Bonucci, Barzagli; D. Alves (40' st Chiellini), Khedira, Lemina, Pjanic (23' st Asamoah), Alex Sandro; Higuain, Mandzukic
      A disposizione: Neto, Audero, Evra, Lichtsteiner, Sturaro, Hernanes, Pjaca, Dybala
      Allenatore: Allegri

      ARBITRO: Valeri

      ASSISITENTI: Giallatini, La Rocca

      QUARTO UFFICIALE: Marrazzo

      ARBITRI D'AREA: Guida, La Penna

      AMMONITI: 3' pt Bonucci, 6' pt Goldaniga, 9' pt Mandzukic, 20' pt Gonzalez, 27' pt Dani Alves, 35' pt Aleesami

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK