Juventus
    29.01.2016 12:36 - in: Serie A S

    Chievo-Juve in 10 gif

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    La storia (recente) di questa partita come non ve l'aveva raccontata nessuno
    1. La prima gioia

    Il 21 settembre 1994 ci presentiamo per la prima volta allo Stadio Mercantonio Bentegodi ospiti non tanto del Verona, bensì del Chievo. Non in campionato, bensì in Coppa Italia. Allenano Malesani e Lippi. Decidono Del Piero, Ravanelli (rig.), Antonioli e Ravanelli (rig.). Ci qualifichiamo agli ottavi della competizione. Questo gol di Pinturicchio arriva dopo appena un minuto. 

    2. L'incornata di Ciro

    Nel 2002 è la prima partita di Serie A tra le due squadre. Cambia la competizione ma il risultato è sempre lo stesso: 1-3 per la Juve. Il primo gol lo segna Ciro, così. Ricordate gli altri marcatori? Questo video vi viene in soccorso, altrimenti.

    3. Gol?

    "Ah, davvero, abbiamo segnato?", sembra dire Gigi. Buffon, difatti, ignora completamente cosa sia successo: a Verona, quel 19 gennaio, c'era un nebbione pazzesco. Guardate qui, se ci riuscite (spoiler sul risultato).

    4. Segna l'ex. Classico.

    Nel 2003, a settembre (con la nebbia già diradata), segna D'Anna per dare il vantaggio ai clivensi. Poi però il gol dell'ex Legrottaglie si vede benissimo, eccome. Così come il definitivo 1-2 di Trezeguet, che fissa il risultato al 49'. 

    5. La rete che non ti aspetti

    Dopo 120' di battaglia contro il Real Madrid, nel marzo 2005 (vinta 2-0 grazie al Panteron e a Trezegol), Del Piero torna ad affiancare i due eroi di Champions al Bentegodi. Ma la strada non è affatto in discesa per la Signora. La partita è bloccata fino agli ultimi minuti di gara. Tutti si aspettano il gol da Pinturicchio, che però non arriva. Al suo posto entra Olivera, che undici minuti dopo il suo ingresso in campo (ovvero all'87') decide che è tempo di portare a casa la vittoria. Così. 

    6. Tanti auguri, Alex

    9-11-2008. "Buon compleanno capitano" recitava uno striscione sugli spalti a Verona. E allora Del Piero si regala il 249° gol bianconero. In questo modo. A suo modo. Tutti in piedi ad applaudire. 

    7. C'è pure una rovesciata

    Tra i gesti tecnici decisivi della storia di questa partita, c'è anche quello che forse più di tutti definisce la bellezza del gioco del calcio, ovvero la rovesciata. Il movimento reso immortale dal bianconero Parola, per intenderci. Questa la declinazione sul tema di Quagliarella, a firmare il gol del momentaneo vantaggio nel 2010 (termina 1-1, ma Storari para anche un rigore ad inizio gara). 

    8. Stephan, a sinistra, di sinistro

    Che ci faceva lì lo Swiss Express? Semplice, raddoppiava il vantaggio di Matri per battere il Chievo nel 2013 (di Thereau il gol clivense). 

    9. Rocambolesco a dir poco

    Ancora Quagliarella, ancora contro il Chievo. Ma questa volta il gol vale tre punti.  

    10. L'ultima volta

    Ok, il gol non è stato assegnato a Caceres (bensì a Biraghi, aut.), però abbiamo esultato tutti un sacco lo stesso. Come dice l'adagio, chi ben incomincia... 

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK