Juventus
    13.10.2016 18:00 - in: Settore Giovanile S

    Giovanili: Vinovo si apre ai ragazzi e alle loro famiglie

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    In corso al Training Center momenti formativi dedicati ai giocatori e alle loro famiglie

    Il progetto educativo e sportivo, il Metodo e il progetto "Formazione Juventus”, e non solo: sono in corso al Training Center una serie di incontri, dedicati ai ragazzi del Settore Giovanile e alle loro famiglie.

    Questo pomeriggio i giovani nati dal 2003 al 2007 e che stanno affrontando il loro primo anno in bianconero hanno vissuto un momento formativo e informativo, alla scoperta di quella che è e che sarà la loro attività, in campo ma soprattutto fuori dal terreno di gioco.

    Il tema dell'incontro di oggi, infatti, è stato il "Progetto Formazione Juventus", legato appunto a tutto ciò che va oltre il pallone e il calcio giocato.

    Contestualmente è partito anche il secondo ciclo di incontri dedicati alle famiglie dei ragazzi che fanno parte del Settore Giovanile. Per la precisione, ieri sera e questa sera gli incontri sono stati dedicati alle annate 2004 e 2003, e si proseguirà, lungo tutte le categorie definite pre agonistiche, fino ai genitori dei nati nel 2010.

    Una serie di appuntamenti volti da un lato a presentare alle famiglie la struttura organizzativa della Juventus, presentare nel dettaglio le attività proposte ai ragazzi durante la stagione e, ovviamente, far conoscere lo staff che si occupa dei giovani calciatori.

    D’altra parte, l’iniziativa ha l’obiettivo di coinvolgere a tutti gli effetti le famiglie, di far comprendere loro il significato del percorso tecnico che viene proposto ma anche di quello legato alla crescita del ragazzo e del giocatore.

    Non a caso – la struttura delle serate sarà simile di volta in volta – se la prima parte dell’incontro è dedicata all’aspetto tecnico e conoscitivo, di staff e strutture, la seconda viene svolta con due psicologi, con i quali le famiglie quest’anno lavorano sul concetto di “aspettative”, che non devono diventare un peso per i ragazzi: in questo modo l’intento è di rendere i genitori parte attiva nello sviluppo calcistico (e non solo) dei loro figli.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK