Juventus
    03.03.2016 00:15 - in: Coppa Italia S

    I numeri della semifinale di ritorno

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Questi i principali dati di una delle prove più opache della Signora, che è comunque riuscita ad approdare alla finale della competizione nazionale

    Una delle partite peggio giocate degli ultimi tempi, come ha ricordato Bonucci dopo il fischio finale e l’ultimo rigore trasformato al Meazza, ha comunque il merito di averci regalato la seconda semifinale consecutiva di Tim Cup. La terza nelle ultimime cinque edizioni della Coppa Italia.

    Ieri sera abbiamo concesso gol per la prima volta nella TIM Cup in corso. Aperte le dighe, ne abbiamo imbarcati altri due, limitando però i danni dal dischetto. Come aveva ricordato Allegri in conferenza stampa, l’Inter era avversario temibile e storicamente aveva già ribaltato uno 0-3 subito nell’andata di una sfida a eliminazione diretta di Coppa Italia: contro il Verona ai quarti di finale 1984/85 – l’Inter vinse il ritorno 5-1 dopo i supplementari.  I nerazzurri inoltre avevano vinto 14 delle ultime 16 partite casalinghe di Coppa, e dovevano riscattarsi dopo il match di campionato contro di noi di fronte al proprio pubblico. 

    La Juventus non subiva 3 gol nella stessa partita dalla finale di Champions 2014/15 contro il Barcellona: era dal novembre 1996 che la Juventus non rimaneva senza segnare contro l’Inter in Coppa Italia (7 partite): anche allora finì 3-0 a San Siro. A proposito di finali: è la seconda che raggiungiamo l'ultimo atto della competizione in due edizioni consecutive del torneo (la prima nel 1958/59 e 1959/60).

    A San Siro la Juve non ha brillato sul piano della costruzione della manovra, né su quello della finalizzazione: 414 i passaggi bianconeri contro i 704 dell’Inter (84.8% di percentuale di riuscita vs 74.2% per la Signora). Il computo dei tiri totali è addirittura più del doppio su sponda interista (20 vs 9), di cui 6 nello specchio difeso da Neto – che in un paio di occasioni ha salvato il risultato. Prima di ieri sera, erano stati appena due i tiri nello specchio subiti dai nostri ragazzi. A dirla tutta, per la prima volta in questa stagione (tutte le competizioni) la Juventus non ha effettuato nemmeno un tiro nel 1° tempo. Anzi, come ha ricordato Allegri in intervista, fino al 70'.

    Il gioco sulle fasce, come nella partita d’andata, ha fatto la differenza: ben 32 i cross nerazzurri contro i 7 bianconeri, con una percentuale di gioco sulle fasce del 67% per i padroni di casa e 60% per noi. Il secondo gol nerazzurro è nato così.

    Il conto dei falli fatti (23 per l’Inter, 19 per la Juve) dimostra come i nerazzurri ci abbiano messo più foga in fase di contrasto, vincendo il 50.6% dei duelli (contro il 49.4% per noi, incluso quello da cui è nato il primo gol di Brozovic).

    I singoli

    Tra i ragazzi di Allegri i più positivi sono stati Cuadrado, autore di 7 cross (di cui 5 riusciti) e 3 occasioni create; Zaza, che si è reso protagonista di 4 tiri, 8 duelli aerei ma soprattutto di una prestazione tutta sostanza e forza di volontà; Alex Sandro, che è stato il bianconero a toccare più palloni (88) ed aver ingaggiato più duelli (38, fermato irregolarmente in 5 occasioni). Le note positive arrivano anche dalle 7 respinte difensive di Bonucci e dai 7 possessi guadagnati da Lemina, al rientro dopo un lungo stop che l’ha tenuto lontano dai campi da gioco per 4 mesi.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK