Juventus
    13.02.2016 23:34 - in: Serie A S

    I numeri di una vittoria da primato

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Dalla difesa alla giocata decisiva di Zaza, ecco alcune chiavi di lettura del match di ieri

    Bentornata in vetta. La vittoria di ieri sera allo Juventus Stadium certifica, su tutti, un dato, il più importante: la Juve è prima in classifica. Per la prima volta in stagione.

    E la posizione da capolista arriva, anche e soprattutto grazie a un percorso incredibile, proseguito anche ieri sera: i bianconeri, con una sola giocata, quella di Simone Zaza al minuto 88, hanno superato il Napoli, interrotto la striscia dei partenopei e allungato il record di successi consecutivi, che ora sale a 15.

    A proposito di record…

    I bianconeri escono dal match dello Stadium rafforzando il loro primato difensivo: e lo fanno non solo nei numeri totali, i gol subiti, ma disputando un match praticamente perfetto in fase difensiva.

    Ne volete una prova? Ve ne diamo di più. Nel primo tempo la Signora ha concesso solo due tiri al Napoli: alla squadra di Sarri non era mai successo in questa stagione di concludere così poco verso la porta nei primi 45 minuti. E al 90’ il dato non è molto migliore: tutto il Napoli ha tirato quanto Pogba e Dybala: 7 volte. Altro record negativo per gli azzurri

    C’è poi un altro dato, interessante anche in prospettiva europea: ieri sera Gianluigi Buffon ha mantenuto la porta inviolata per la settima volta nel 2016, record nei top 5 campionati europei.

    #FinoAllaFine

    Si conferma anche nella vittoria contro il Napoli una caratteristica che contraddistingue gli uomini di Allegri: non mollare mai. La Juventus ha segnato infatti 12 gol negli ultimi 15 minuti di gioco, solo la Lazio con 14 reti ha fatto meglio finora.

    Un match complicato…

    Il fatto che la partita si sia risolta con un gol a due minuti dallo scadere conferma come il match sia stato difficile: lo conferma il possesso palla, del 43.6%.

    In partite casalinghe in questo campionato la Juventus ha avuto un possesso inferiore a ieri solo contro la Fiorentina (38,5%). Dal canto suo, il Napoli era sceso in campo con la formazione più affidabile per Sarri: è stata la 13’ volta che il tecnico partenopeo ha schierato la stessa line-up. Mentre, in risposta, la Juve schierava un undici inedito in Serie A.

    La chiave (anche) a centrocampo

    Che la compattezza difensiva sia stata decisiva lo abbiamo anticipato. Ma non va sottovalutato il grande lavoro del centrocampo. Due giocatori su tutti: Marchisio, autore di 69 lanci positivi, 12 lanci, 2 cross e 5 intercetti, Khedira (4 sponde e 3 occasioni create) e Pogba (4 sponde, 12 recuperi e 6 dribbling).

    Potete vedere tutte le loro posizioni in campo in questa “Heatmap” (selezionate i giocatori)

    And the winner is…

    Ma la chiusura, d’obbligo, va al match winner della serata. Lui, Simone: ha realizzato il quarto gol in questo campionato, tre dei quali da sostituto. Nessuno ha fatto meglio. E allora, rivediamolo, questo gol.

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK