Juventus
    Juventus
      22.02.2016 09:00 - in: Champions League S

      Il Bayern Monaco in attacco

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Robert Lewandowski, naturalmente. Ma non solo.
      Immagine cortesia dell'account Twitter @lewy_official

      Domani sera la Juventus si ritroverà davanti un uomo che ha segnato 32 gol nelle ultime 32 partite; è andato sul tabellino dei marcatori contro tutte le squadre di Bundesliga (prendendo  anche 4 pali), è capocannoniere del campionato tedesco ed è già a quota 7 in Europa, dietro Cristiano Ronaldo (12).

      Parliamo naturalmente di Robert Lewandowski. Il polacco ha segnato nove volte nelle sei partite giocate nel 2016; 7 dei 10 gol del Bayern in campionato dopo la pausa invernale e 40 reti in 37 partite con club e nazionale nel 2015/16 sono suoi.  Dal suo debutto in Champions League nel 2011/12, ben 30 reti. Solo Cristiano Ronaldo (60) e Lionel Messi (43) ne hanno realizzate di più nella competizione nello stesso periodo.

      Davvero niente male. 

      In nessun caso costruiremo gabbie per lui o per gli altri. Chi lo fa non può correre liberamente. 

      Massimiliano Allegri Intervista a Süddeutsche Zeitung
      'Lewy' è stato nominato calciatore polacco dell'anno 2015
      Cosa fa bene e cosa fa male

      La punta centrale è il giocatore del Bayern che tira più in porta in campionato (62), ovviamente, centrando più spesso lo specchio della porta che mandando la palla fuori (35). Spesso le difese avversarie sono costrette al fallo per abbatterlo: è in fatti il calciatore che più di tutti viene atterrato in rosa (38) in Bundes.

      Rispetto ai colleghi, però, gioca meno per la squadra. Se la media di occasioni create a partita è di 0.82 per ruolo, quella di Lewandowski si ferma a 0.76. Indicativo anche il numero medio di cross a partita (0.14), significativamente più basso rispetto alla media degli attaccanti di Bundesliga. Recupera meno palloni, per esempio (1.10 a partita), e vince pochi contrasti (4).  Tante sono anche le palle perse (238, 11.33 di media a partita in Bundes contro 9.77 di media ruolo). Ma quando c’è da metterla dentro, è praticamente infallibile (23% di percentuale realizzativa, 64% di precisione, tutti numeri superiori alla media).

      È molto bravo a giocare di sponda e a pescare il compagno con un passaggio corretto (18.76 la media, contro quella del ruolo di 13.38), e gioca prevalentemente il pallone indietro o per vie laterali rispetto alla verticalizzazione. Tanto è vero che la percentuale di tocchi in profondità si attesta al 19%, rispetto ad una media ruolo del 26%. I numeri in Champions League riflettono questo discorso: basti pensare che la media di occasioni create dal polacco è di 0.50 a partita contro le 0.96 di un pari ruolo. I tiri nello specchio però sono ben 17 in Europa (2.83 a match: solitamente una punta ne fa 0.81 a gara). 

      Da chi riceve palla, e come la ridà

      Come si vede da quest’altro grafico, tuttavia, riesce a farsi notare in tutte le zone del campo, attaccando la profondità soprattutto dalla sinistra (ipotizzando un impiego a destra di Müller).

      Come si muove e tocca palla in Germania
      Come segna ‘Lewy’

      Praticamente in ogni modo in campionato, purchè da dentro l’area. Praticamente in ogni modo in Champions League, purchè da dentro l’area. Questo vuol dire una cosa sola: bisogna tenerlo lontano da quel rettangolo di gioco. 

      Tiri tentati e reti in Bundesliga

      Il polacco ex Dortmund ha giocato praticamente ogni partita della stagione ad eccezione dell'andata contro il Darmstadt (comunque terminata 3-0 per il Bayern). Ci sarà allo Stadium: è il titolare inamovibile della squadra. In quell'unico match senza di lui, lo ha sostituito Mario Götze (trequartista naturale) al centro dell'attacco. 

      D'altronde è l'unico centravanti puro in rosa. Robben è un'ala destra, Ribery sinistra così come Douglas Costa; Coman gioca defilato, anche se è stato impiegato sia da Allegri che da Guardiola come seconda punta, mentre Müller si trova a suo agio partendo da dietro. 

      "Hard work against Darmstadt. I'm happy to score such a beautiful goal. Welcome back, Franck! #FCBD98"
      Coppia d’oro

      Ecco, appunto. Thomas Müller.

      Lui (17) e Lewandoski (22 gol) costituiscono la miglior coppia d’attacco nella storia della Bundesliga dopo 22 giornate. I due hanno segnato più gol (39) di 15 delle altre 17 squadre di questo campionato tedesco. 

      La punta nata e cresciuta nel vivaio del Bayern (e che da poco ha rinnovato fino al 2021) ha già superato di 4 marcature il suo precedente record di gol in una singola stagione in Bundesliga, segno questo che una volta bloccato Lewandowski, i problemi per i bianconeri non sono finiti. 

      In Champions ha fatto tanti gol quanti Suarez (5), e quest'anno ha sempre, sempre giocato in ogni partita dei bavaresi, per un impressionante totale di 2.437', entrando sul terreno di gioco sia dal primo minuto che a gara in corso. 

      Rispetto al compagno di reparto polacco, è più altruista (5 assist in Bundes, 1 in Champions) ed aiuta la squadra a creare più azioni d’attacco (1,50 di media a partita in UCL, e 2,14 di media in campionato contro lo 0.82 dei colleghi nello stesso ruolo, per intenderci). L’ottima tecnica individuale si evince nell’elevatissima media di passaggi positivi a partita (26.09, contro 13.38 di media ruolo in Bundes) e di dribbling riusciti (1.41 a gara). Al contrario di Lewandowski, gioca spesso e volentieri in verticale: ben 153 i passaggi in avanti in campionato, e 33 in Champions, segno questo che il suo modo di vedere il gioco del calcio è l’essere a disposizione del pivot centrale e del successo della squadra.

      In Champions League, Müller  gioca prevalentemente a destra, da interno/trequartista, ricevendo palla dallo spicchio centrale di campo (da Alantara, Lahm o Vidal in genere) e gestendola sempre agli stessi tre giocatori, in prevalenza. Gli uno-due sono quindi frequenti in quel fazzoletto di terra, e servono a creare la superiorità numerica necessaria allo sviluppo dell’azione.

      In campionato, invece, conquista palla allo stesso modo, ovvero facendosi servire con più gusto da Lahm, Xabi Alonso e Arturo Vidal, ma distribuisce la sfera più per linee orizzontali, facendo allargare Robben sulla destra oppure invitando Lewandowski all’inserimento. 

      Egli stesso non preferisce alcun ruolo in particolare e non si definisce né un centrocampista né un attaccante, bensì "uno che fa tutto nel settore offensivo".

      E poi, dopo questi due pericoli assoluti per qualsiasi difesa, Guardiola ha a disposizioen Robben, Ribery, Costa, Coman e Mario Gotze. Ma questa è un'altra storia, che approfondiamo qui sotto.

      Il centrocampo del Bayern, analizzato qui

      Sapevate che....?

      Con 15 punti e una differenza reti di +16, il Bayern ha fatto registrare il miglior risultato per una squadra tedesca nella fase a gironi della CL.

      I tedeschi hanno il miglior attacco della competizione con 19 reti, alla pari del Real (prima di giocare contro la Roma). Non erano mai riusciti a segnare così tanti gol nella fase a gironi della Champions.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK