Juventus
    05.02.2016 11:30 - in: Stadium & Museum S

    Il Basket e la Juventus: i grandi amori di Dino Meneghin

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    La leggenda del basket italiano ospite mercoledì de “Gli Incontri del JMuseum”: un pomeriggio di parole e sport

    Se, passeggiando all’interno del JMuseum, avete visitato la nuovissima mostra permanente “JSport”, dedicata ai cimeli appartenuti a grandi uomini sportivi di fede bianconera, non vi sarà passata inosservata una targa: appartiene a Dino Meneghin, immenso campione che ha scritto pagine di storia della pallacanestro italiana. E, in un certo senso, quella grandezza la certifica: è infatti il simbolo dell’inserimento di Meneghin nella “Hall of Fame” del basket.

    Della sua vita sul parquet, ma anche e soprattutto del suo rapporto con la Juventus, ha parlato mercoledì il campione, veneto di origine e varesino di “nascita” cestistica, opsite della rassegna "Gli incontri dei JMuseum". «Ho iniziato a giocare a Varese, e proprio in quegli anni mi sono avvicinato anche al calcio e, logicamente, alla Juventus». Ci sono alcuni grandi campioni che sono rimasti nel suo cuore: «Sivori e Charles, se devo dire i primi che mi vengono in mente – racconta – Ma quello che mi ha stregato davvero è stato Platini qualche anno dopo, con la sua immensa eleganza».

    La chiacchierata, introdotta dal Presidente del JMuseum Paolo Garimberti e guidata dal giornalista e scrittore Darwin Pastorin è stata un’ottima occasione per parlare di concetti profondi legati allo sport, come quello di squadra: «Nella pallacanestro, come nel calcio, è fondamentale pensare sempre alla squadra e mai al singolo. Sia negli allenamenti, che nei concetti base come il rispetto delle regole. E poi, ovviamente, durante le partite». Cosa rende una squadra davvero vincente? «La fame, e la concentrazione che non deve mai mancare, nemmeno dopo le partite vinte o i grandi successi stagionali. Questa, per esempio, è una delle caratteristiche che rende la Juve una squadra speciale. Non si accontenta mai, ha sempre la grinta e la voglia di ricominciare a vincere».

     

    Secondo Dino, il simbolo di questa squadra vincente non può che essere «Il Capitano Buffon. Ha tutto quello che secondo me deve avere il leader di un team. Ci mette la faccia, sprona i compagni, mette in campo grandi prestazioni e guida il gruppo con il suo carisma». E non c’è che dire, Meneghin di carisma se ne intende…

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK