Juventus
    Juventus
      25.08.2016 16:58 - in: Serie A S

      Opposition Watch: la Lazio

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Poco più di 24 ore alla sfida dell’Olimpico: l’analisi dei nostri avversari

      È stata una Lazio cinica e micidiale in attacco, quella che ha costruito la vittoria a Bergamo che le permette di affrontare la Juventus, domani pomeriggio alle 18, a pari merito in classifica. Con i dati e le curiosità che seguono vediamo come le formazioni arrivano alla sfida dell’Olimpico.

      PER INIZIARE…

      Domani i laziali giocano in casa: la squadra allenata ora da Inzaghi ha chiuso lo scorso campionato con nove gare casalinghe senza pareggio, cinque vittorie e quattro sconfitte. In generale, la Lazio non pareggia da nove gare (tra lo scorso e questo campionato): cinque vittorie e quattro sconfitte il bilancio. 

      LA PRIMA DI CAMPIONATO

      La Lazio dopo la prima giornata è il miglior attacco della Serie A, con quattro reti messe a segno, alla pari della Roma. Contro l’Atalanta, la squadra biancoceleste ha fatto registrare un possesso palla del 30%, il più basso in Serie A per loro dall’aprile 2012 (28%, proprio contro la Juventus). Inoltre, solo il 69% dei passaggi tentati dalla Lazio sono andati a buon fine, solo il Cagliari con il 66% ha fatto peggio. 

      Tuttavia, la Lazio nella prima giornata è stata la squadra con la miglior percentuale realizzativa, 44% e Nessuna squadra è riuscita a segnare tre reti nel solo primo tempo tranne la compagine di Inzaghi, con Immobile, Hoedt e Lombardi.

      STATISTICHE A CONFRONTO

      Qui potete confrontare nel dettaglio come le due formazioni arrivano allo scontro diretto

      CURIOSITA’

      Nessun giocatore è finito in fuorigioco più volte di Ciro Immobile (due) nella prima di campionato. Sia Cristiano Lombardi, all’esordio, che Wesley Hoedt, alla 26ª gara, hanno trovato contro l’Atalanta il primo gol in Serie A.

      MISTER A CONFRONTO

      LO SCHEMA TATTICO

      Si è affidato a un 4-3-3 Simone Inzaghi a Bergamo: in attacco, Kishna e Lombardi hanno affiancato la punta centrale Immobile, mentre a centrocampo il tecnico si è affidato al collaudato trio composto da Milinkovic Savic, Parolo e Biglia. Difesa a quattro, con centrali Hoedt e de Vrij, affiancati dai terzini di spinta Lukaku e Basta. Proprio da Basta, non a caso, è arrivato l’assist per il  quarto gol laziale. L’altro assist della partita è stato di Biglia.

      I PRIMATI DI SQUADRA: STAT ATTACK

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK