Juventus
    19.02.2016 22:50 - in: Match Report S

    Reti bianche al Dall'Ara

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Il filotto di vittorie consecutive si ferma contro il Bologna, bravo a bloccare ogni iniziativa dei bianconeri e a costringerli allo 0-0

    Si ferma a Bologna il filotto di successi consecutivi della Juve. Si ferma contro un avversario agguerrito e organizzatissimo, che si pone il chiaro obiettivo di fermare prima di tutto i bianconeri e poi, eventualmente, di colpire di rimessa. La prima parte del piano riesce perfettamente e il risultato è uno 0-0 fatto di tanta tattica e di pochissime emozioni.

    Al Dall'Ara torna Pereyra dal primo minuto e con lui il “rombo” a centrocampo, un modulo che la squadra non adotta da tempo, ma che dimostra di non aver dimenticato, prendendo immediatamente il comando delle operazioni.

    Pogba e Morata all'inizio creano non pochi problemi sulla sinistra alla difesa rossoblu. È lo spagnolo a procurarsi l'angolo dal quale nasce la prima ghiotta occasione, dopo neanche dieci minuti: Evra stacca  al limite dell'area piccola e mette a lato il traversone di Marchisio.

    Il Bologna difende bene, pressa e ripiega con ottimo tempismo. In più quando attacca, ha uomini di qualità, capaci di guizzi improvvisi. Ne dà prova Destro al 20', sparando da una trentina di metri  un destro potente, che Buffon respinge sui piedi di Donsah, il cui tentativo si perde lontano dai pali.
    È comunque la Juve a fare la gara: i bianconeri collezionano angoli e occupano la metà campo avversaria per quasi tutto il primo tempo, senza però trovare il varco giusto per impensierire Mirante. Gli spazi sono intasati: servono pazienza, costanza e magari un'invenzione per superare il muro eretto da Donadoni a difesa dell'area.

    Allegri la cerca in Cuadrado, che inizia la ripresa al posto di Pereyra, e il colombiano all'8' mette in movimento Lichtsteiner sulla destra. Il cross dello svizzero dal fondo trova l'inserimento di Pogba, che calcia di prima intenzione, mancando la porta di poco. Il copione della gara è sempre lo stesso, ma con il passare dei minuti il ritmo dei bianconeri inevitabilmente cala e il Bologna ha ulteriormente buon gioco nel chiudere gli spazi.

    Poco dopo il 20' Allegri cambia ancora, richiamando Zaza e inserendo Dybala, ma non si vede niente altro se non un prolungato possesso palla. Giusto negli ultimi minuti  la gara si vivacizza: arrivano i tentativi di Pogba da una parte e di Giaccherini dall'altra, entrambi a lato, quindi la girata di Morata, deviata in angolo da Mirante e il velenoso traversone di Pogba, che attraversa tutto lo specchio della porta senza trovare la deviazione sperata.

    È tutto qui però quello che offre la partita, merito soprattutto di un Bologna tignoso come non mai. La Juve deve accontentarsi del pareggio, ma dopo 15 vittorie consecutive era quasi fisiologico che accadesse. Il campionato è ancora lungo e ci sarà tempo e modo per riprendere a marciare a pieni giri. Quelli che serviranno martedì, in Champions, contro il Bayern.

    BOLOGNA-JUVENTUS 0-0



    BOLOGNA
    Mirante; Mbaye, Gastaldello, Maietta, Masina (28' st Constant); Donsah, Diawara, Taider (37' st Brienza); Rizzo (20' st Mounier), Destro, Giaccherini
    A disposizione: Da Costa, Pulgar, Stojanovic, Zuniga, Ferrari, Morleo, Brighi, Oikonomou, Floccari
    Allenatore: Donadoni



    JUVENTUS
    Buffon; Lichtsteiner, Bonucci, Barzagli, Evra; Sturaro, Marchisio, Pogba; Pereyra (1' st Cuadrado); Zaza (23' st Dybala), Morata
    A disposizione: Neto, Rubinho, Rugani, Padoin, Romagna, Lemina, Hernanes, Favilli
    Allenatore: Allegri

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK