Juventus
    Juventus
      23.11.2016 09:45 - in: Champions League S

      Siviglia-Juve, il giorno dopo: numeri e nomi

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Le statistiche del match di Champions giocato al Ramón Sánchez- Pizjuán e vinto 3-1 dai bianconeri

      Primato nel Gruppo H (11 punti) e accesso matematico agli Ottavi di Finale di Champions League: la Juventus torna da Siviglia con un 3-1 importantissimo, una vittoria da analizzare anche dal punto di vista della statistica.

      I NUMERI

      Primo obiettivo stagionale centrato per i bianconeri, che si qualificano agli Ottavi di finale di Champions League per l'ottava volta nelle ultime dieci partecipazioni. La Juve è tornata a vincere in Spagna in questa competizione, dopo il 2-0 inflitto al Real Madrid al “Santiago Bernabeu” nel novembre 2008.

      Venendo alle statistiche della gara, possesso palla nettamente a favore dei bianconeri: 58,1%, con un vantaggio territoriale del 53%, una precisione nei passaggi dell'84,4% (un totale di 526 scambi tra i giocatori bianconeri); 14 contrasti; 19 cross effettuati; 62 palle recuperate; nove contrasti vinti e sei palloni intercettati.

      Per quanto riguarda la fase offensiva: 64 i lanci; 144 le verticalizzazioni; nove i dribbling positivi e dieci le giocate utili in area avversaria; oltre ovviamente ai tre gol, con quattro tiri nello specchio e quattro fuori dallo specchio.

      I NOMI

      Ad aprire le marcature bianconere ci ha pensato Claudio Marchisio su calcio di rigore: terzo gol in carriera in Champions League, l'ultimo era arrivato a febbraio 2013 contro il Celtic. Nel complesso, l'ultima rete del nostro numero otto, fermo per un lungo infortunio, era arrivata in campionato a maggio 2015 contro l'Inter. Una curiosità: Marchisio è il quarto italiano a segnare un rigore per i bianconeri nella moderna Champions, dopo Del Piero, Amoruso e Inzaghi.

      Si tratta, invece, del secondo gol in Champions League per Leonardo Bonucci, autore della rete del 2-1: Bonnie era già andato a segno nell'ottobre 2012 contro lo Shakhtar Donetsk.

      A chiudere le marcature ci ha pensato Mario Mandzukic: gol numero 38 in carriera per il croato in Champions League, diciassettesimo complessivo in maglia bianconera.

      Tre tiri complessivi per Juan Cuadrado, due respinti e uno fuori dallo specchio: il colombiano è il bianconero che ha tentato più volte la conclusione. Recordman di passaggi positivi è stato Dani Alves: 71 i passaggi riusciti ai compagni da parte del brasiliano, con due palloni intercettati e due dribbling riusciti, per un totale di 96 palloni giocati, più di ogni altro compagno.

      Anche stavolta, è stato Alex Sandro il bianconero a crossare di più: cinque i traversoni del numero 12, mentre il maggior numero di sponde (cinque) è stato effettuato da Sami Khedira.

      Chiudiamo con una curiosità: dopo essere stato il primo nato nel nuovo millennio a scendere in campo in Serie A, Moise Kean si ripete anche in Champions League. L'attaccante classe 2000 è stato, infatti, il primo “millennial” a prendere parte alla massima competizione europea.

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK