Juventus
    15.06.2017 10:00 - in: Serie A S

    #LE6END Rewind: Chievo-Juventus

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    Una magia di Pjanic permette alla Juve di espugnare il Bentegodi

    Servono colpi da campioni per tornare dal Bentegodi con i tre punti e i bianconeri li trovano con Mandzukic e Pjanic: il primo migliore in campo per oltre un'ora, il secondo decisivo nel momento più complicato.

    Sono proprio i due fuoriclasse bianconeri a confezionare un successo, quello del Bentegodi di Verona, che dopo la vittoria con il Napoli e il pareggio in Champions League in casa con il Lione permette alla Juve di chiudere in testa al momento della sosta di novembre.

    E' una partita speciale, per Capitan Gigi Buffon

    Si diceva, Mario è uno die protagonisti indiscussi della sfida. Proprio Mandzukic è l'attaccante più cercato dai compagni, anche perché con il suo continuo movimento detta spesso il passaggio. Alex Sandro lo trova in area e la sua girata di testa termina fuori di poco. La Juve ora comanda la partita e con il pressing del Chievo che con il passare dei minuti si fa meno forsennato, si finisce per giocare in una sola metà campo. Hernanes e Cuadrado cercano fortuna dalla distanza, quindi è Higuain a liberarsi in area e a provare il diagonale, respinto in angolo da Sorrentino.

    È sempre Mandzukic però l'uomo più pericoloso e l'avvio di ripresa conferma la sensazione: il croato viene subito lanciato da Sturaro ed è solo un millimetrico fuorigioco a impedirgli di superare Sorrentino, ma quando pochi istanti dopo, un'analoga giocata di Cuadrado lo libera al tiro, il suo diagonale dal limite è letale. 


    La Juve vorrebbe chiudere il match, ma è il Chievo invece a rifarsi sotto e trovare la via del pari, grazie a Pellissier, che al minuto 21 della ripresa scappa in area e viene steso da Lichtsteiner, procurandosi e trasformando il rigore del pareggio.

    E' una partita tosta, tostissima, di quelle che devono essere risolte dalla grande giocata di un fuoriclasse. Ed eccola, la giocata: è di Pjanic, al 30', che si procura e trasforma in modo magistrale, sotto l'incrocio, una punizione a incorniciare.

    Una punizione che vale tre punti.

    LE VOCI DEI PROTAGONISTI
    LE IMMAGINI PIU' BELLE
    LA CLASSIFICA DOPO LA 12ª GIORNATA
    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK