Juventus
    Juventus
      21.02.2017 19:30 - in: Champions League S

      Allegri: «Attenti, coraggiosi, spensierati e uniti»

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Le parole dell’allenatore bianconero alla vigilia: «Saranno 180 minuti non semplici, il Porto è squadra molto solida».

      Detta la linea, Mister Massimiliano Allegri, in vista dell’importantissima partita di domani sera e, più in generale, del lungo rush finale di questa stagione. E lo fa innanzitutto chiudendo l’episodio di qualche giorno fa con Leonardo Bonucci: «Sono cose che capitano nel corso di una stagione – spiega – Ho parlato con il giocatore, tutto è chiarito, ma per rispetto a società, squadra e tifosi domani Leo andrà in tribuna. Dal canto mio, per lo stesso motivo, siccome anche io devo essere da esempio specie per i più piccoli, la prossima settimana farò una donazione a un ente di cui vi farò sapere il nome». E la parola “fine” alla questione è tutta in questa frase: «Servirà per il futuro: Bonucci sa bene di essere un giocatore molto importante per la Juventus».

      Capitolo chiuso, si pensa solo ed esclusivamente al Porto: «Una squadra abituata a giocare ad alti livelli, non perde da settembre, nei gironi di Champions League hanno subito solo 2 reti segnandone 10. Inoltre – aggiunge Allegri – In casa hanno battuto squadre come Chelsea e Bayern: sono molto poco “portoghesi” come modo di giocare».

      Che approccio si aspetta il Mister? «Domani saranno aggressivi, devono segnare, ma anche in casa sono capaci a non perdere solidità: saranno 180 minuti per niente semplici, fra le seconde il Porto è la peggiore avversaria che ci potesse capitare, hanno un bravo tecnico che ha dato equilibrio. Noi, dal canto nostro, dovremo giocare con attenzione, spensieratezza, coraggio e con la consapevolezza che in trasferta dobbiamo segnare». 

      «Questo è il momento della stagione in cui serve la giusta tensione per diventare leggenda in campionato e arrivare in fondo a Champions League e Coppa Italia: dobbiamo essere tutti uniti, insieme, abbiamo tante partite ancora davanti a noi», spiega ancora Allegri, che poi come sempre “regala” qualche nome sui titolari di domani: «Saranno della partita Cuadrado, Higuain, Dybala, Mandzukic e Pjanic».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK