Juventus
    21.05.2017 16:56 - in: Match Report S

    JUVE, 6 LEGGENDA!

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    I bianconeri superano il Crotone con Mandzukic, Dybala e Alex Sandro, vincono il sesto scudetto consecutivo e centrano la terza accoppiata campionato-Coppa Italia di fila. Mai nessuno come loro

    La Juve è nella Leggenda. Mai nessuno aveva vinto sei scudetti consecutivi. L'ha fatto un gruppo di ragazzi straordinari, magistralmente allenati da uno dei tecnici più preparati, equilibrati, capaci del mondo. Massimiliano Allegri e i suoi uomini raccolgono quanto seminato in dieci mesi di dominio, e a distanza di quattro giorni alzano il secondo trofeo di un'altra stagione pazzesca. Sei campionati consecutivi e tre accoppiate scudetto-Coppa Italia di fila: anche questo è un record. Anche questo è un altro tassello del capolavoro.

    L'esultanza bianconera per il gol del vantaggio!
    Mandzukic spiana la strada verso il sesto Scudetto bianconero!

    MANDZUKIC, COMPLEANNO CON GOL

    C'è il Crotone tra la Juve e il trionfo. Potrebbe sembrare una formalità, ma i calabresi arrivano allo Stadium con la carica di chi sta lottando per salvarsi, grazie ai 17 punti ottenuti nelle ultime 7 giornate, e la spensieratezza di chi non ha nulla da perdere. Le pressioni insomma sono tutte sulle spalle dei bianconeri, che hanno però la classe e l'esperienza per scrollarsele di dosso.

    Il gioco è subito in mano loro e dopo la carezza di Pjanic all'incrocio, con una punizione dai venticinque metri, Mandzukic festeggia il suo trentunesimo compleanno arrivando con perfetto tempismo sul traversone rasoterra di Cuadrado e spedendo in rete da due passi.

    DECIMA JOYA

    La Dybala-Mask per il raddoppio della Juve!

    Si gioca in una sola metà campo e, nonostante gli spazi intasati, la rapidità e la precisione degli scambi permettono ai bianconeri di strappare applausi e di portare al tiro Dybala e Higuain, le cui conclusioni vengono contratte dal muro eretto dal Crotone a protezione dell'area. I ritmi calano presto, un po' per il caldo, un po' per il fatto che i calabresi sembrino quasi rassegnati, ma la Juve disegna comunque calcio con una superiorità imbarazzante. Dybala invece disegna una parabola perfetta al 39', spedendo a fil di palo la punizione procurata da Cuadrado e segnando il suo decimo gol in campionato. La partita è virtualmente chiusa, anche se nel finale di tempo, la conclusione di Falcinelli messa in angolo da Benatia, consiglia di tenere alta la tensione anche nella ripresa.

    I CAMPIONI DELL'ITALIA SIAMO NOI

    Giusto per fa capire che il messaggio è ricevuto, dopo quaranta secondi Cuadrado riceve in area da Dybala e scarica un diagonale che Cordaz riesce a mettere in angolo, mentre dopo tre minuti e mezzo Mandzukic controlla di petto il lancio di Dani Alves e spara il destro, mancando di poco la porta. La gara in questa ripresa offre meno,  anche se alcune combinazioni, come quella tra Dani Alves, Dybala e Alex Sandro, che porta al tiro l'argentino, sono comunque da applausi. Il terzo gol viene sfiorato anche da Pjanic, che manda a lato da buona posizione l'assist di Dybala, ma non è il caso di rammaricarsi... Basta aspettare il 38' ed ecco l'incornata di Alex Sandro che spedisce alle spalle di Cordaz l'angolo di Dybala e chiude definitivamente i conti. Ora la festa può davvero iniziare, ormai ci sono solo da aspettare i tre fischi di Mazzoleni e la Coppa, da alzare al cielo e da portare in trionfo per il sesto anno di fila. Ora si può iniziare a cantare: “I campioni dell'Italia siamo noi”, ma anche “Ce ne andiamo a Cardiff”. Perché non è ancora finita. Perché la Leggenda deve continuare.

    JUVENTUS-CROTONE 3-0

    RETI: Mandzukic 12' pt, Dybala 39' pt, Alex Sandro 38' st

    JUVENTUS

    Buffon; Dani Alves, Bonucci, Benatia, Alex Sandro; Pjanic (39' st Rincon), Marchisio (29' st Lemina); Cuadrado (25' st Barzagli), Dybala, Mandzukic; Higuain
    A disposizione: Neto, Audero, Lichtsteiner, Chiellini, Asamoah, Mattiello, Sturaro, Khedira, Kean
    Allenatore: Allegri

    CROTONE
    Cordaz; Rosi (34' pt Sampirisi), Ceccherini, Ferrari, Martella; Rohden (33' st Acosty), Crisetig, Barberis, Nalini; Falcinelli, Tonev (12' st Simy)
    A disposizione: Festa, Viscovo, Dussenne, Mesbah, Capezzi, Claiton, Sulijc, Kotnik, Trotta
    Allenatore: Nicola

    ARBITRO: Mazzoleni
    ASSISITENTI: Barbirati, Tegoni
    QUARTO UFFICIALE: Di Vuolo
    ARBITRI D'AREA: Irrati, Maresca

    AMMONITI: 31' st Martella, 45' st Dani Alves

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK