Juventus
    Juventus
      30.12.2017 22:43 - in: Match Report S

      Doppia Joya per chiudere l'anno

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      La Juve supera il Verona 3-1- Al gol iniziale di Matuidi risponde l'ex Caceres, poi Dybala chiude i conti con due prodezze di destro

      I fuoriclasse possono anche vivere momenti poco brillanti, possono anche doversi sedere in panchina, specie se la concorrenza è molta, ma quando c'è bisogno di loro, sanno farsi trovare pronti. Di fuoriclasse, fortunatamente, la Juve ne ha parecchi e uno di questi risponde al nome di Paulo Dybala. Oggi c'è stato bisogno di lui. E lui ha risposto presente, con due prodezze di destro che hanno permesso alla Juve di superare un ottimo Verona, capace di rispondere al gol iniziale di Matuidi e di giocare a viso aperto con i bianconeri, almeno fino al doppio exploit dell'argentino.

      SUBITO IL CONDOR

      La sua posizione di partenza è quella del trequartista, libero di svariare a tutto campo. Ed è proprio da un suo recupero a centrocampo che nasce, dopo appena sei minuti, l'azione del vantaggio bianconero: la Joya approfitta di un passaggio avventato di Heurtaux e mette in movimento Khedira, che libera Higuain al tiro. La sassata del Pipita si schianta sul palo, ma sulla ribattuta arriva Matuidi, che schiaccia il pallone a terra con il sinistro e infila nell'angolino il suo secondo gol in bianconero.

      BELLA JUVE

      I gialloblu, che avevano iniziato con un buon ritmo, appare scosso e Higuain cerca di approfittarne trovando ancora un varco centrale e scaricando un rasoterra dal limite che Nicolas riesce a intercettare e provandoci poi anche da calcio piazzato, con una sventola che colpisce l'esterno della rete. La Juve gioca un calcio potente e al tempo stesso elegante, sfrutta tutta l'ampiezza del campo, spinge sulle fasce, specie dalla sinistra, chiude triangolazioni strette e rapidissime e, quando i padroni di casa entrano in possesso di palla, li aggredisce con continui raddoppi.

      HIGUAIN VICINO AL RADDOPPIO

      Il Verona però ci mette l'anima, cercando di alzare il baricentro e di sfruttare la velocità di Verde. Il suo destro a giro alla mezz'ora è la prima conclusione degna di nota dei gialloblu, ma anche un avvertimento per i bianconeri: meglio non accontentarsi del vantaggio minimo. L'occasione per raddoppiare arriva, puntuale, al 40': Alex Sandro, imbeccato da Matuidi, scatta sulla sinistra e serve a centro area Higuain, che ha la porta spalancata di fronte, ma calcia senza la necessaria convinzione e permette a Nicolas di intervenire.

      CACERES, IL GOL DELL'EX

      Allegri inizia la ripresa con il 4-2-3-1, inserendo Bernardeschi al posto di Bentancur, ma ora è il Verona a spingere maggiormente. I gialloblu giocano a viso aperto e su ritmi notevoli, mentre i bianconeri sembrano meno convinti, sbagliano qualche appoggio di troppo e, a forza di concedere l'iniziativa agli avversari, vengono puniti. A castigarli è l'ex di turno, Martin Caceres, che intercetta un passaggio di Matuidi sulla tre quarti e da venti metri infila una saetta imparabile alla destra di Szczesny.

      SIGNORI, LA JOYA

      Il gol del pareggio esalta ulteriormente i veronesi, dando loro una spinta in più per continuare a pressare e aggredire gli uomini di Allegri. La Juve però ha l'esperienza e il carattere sufficienti per non scomporsi. E se non bastassero... c'è Paulo Dybala. La Joya decide che questa partita va vinta poco prima della mezz'ora, quando Lichtsteiner si produce in due discese sulla destra e in altrettanti traversoni e se il primo viene respinto dalla difesa, il secondo trova in area l'argentino che di prima intenzione fulmina Nicolas e ristabilisce le distanze. Un suo gol di destro, in teoria è merce rara. In pratica è un antipasto del piatto forte, che arriva cinque minuti dopo: pallone ricevuto sulla tre quarti, addomesticato con il petto, fatto danzare fin dentro l'area tra due difensori e piazzato infine in rete, ancora con il piede “meno gradito”, con forza e precisione. Un uno-due da peso massimo, che stende il Verona, rivitalizza la Juve, più volte vicina al quarto gol, ancora con Dybala e con Bernardeschi su punizione, e che, soprattutto, chiude alla grande il 2017. Buon anno Signora!

      VERONA-JUVENTUS 1-3

      RETI: Matuidi 6' pt, Caceres 14' st, Dybala 27' st e 32' st

      VERONA
      Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Heurtaux, Caceres (33' st Pazzini); Buchel, B. Zuculini; Romulo, Verde; Bessa (43' st Calvano); Kean (37' st F. Zuculini)
      A disposizione: Silvestri, Coppola, Souprayen, Laner, Felicioli, Fossati, Bearzotti, Tupta, Valoti
      Allenatore: Pecchia

      JUVENTUS
      Szczesny; Lichtsteiner (29' st Barzagli), Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Bentancur (1' st Bernardeschi), Matuidi; Mandzukic (36' st Marchisio), Higuain, Dybala
      A disposizione: Pinsoglio, Loria, Barzagli, Rugani, Asamoah, Sturaro, Pjaca, Douglas Costa
      Allenatore: Allegri

      ARBITRO: Mazzoleni
      ASSISITENTI: Preti, Ranghetti
      QUARTO UFFICIALE: Sacchi
      VAR: Calvarese, Piccinini

      AMMONITI: 41' pt Caceres, 39' st Romulo

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK