Juventus
    21.04.2017 17:00 - in: Champions League S

    Lichtsteiner: «Monaco pericoloso, ma siamo esperti»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    «In questi anni siamo cresciuti dal punto di vista mentale e crediamo di poter vincere»

    Vinovo, ore 12.00. La Juventus sta per allenarsi, ma prima di scendere in campo è schierata davanti al televisore. Da Nyon arrivano le immagini del sorteggio delle semifinali di Champions che i bianconeri seguono tutti insieme, «in famiglia», sottolinea Stephan Lichtsteiner, intervistato poche ore dopo da Sky Sport e Mediaset.

    MONACO PERICOLOSO

    «È un avversario tosto, da non sottovalutare, perché sappiamo quanto sia pericoloso – continua lo svizzero – Non ho visto molte loro partite, ma conoscendo un po' la squadra e avendola vista all'opera contro di noi due anni fa, quando già aveva questo allenatore, posso dire che gioca un bel calcio, è molto veloce in avanti e forte nella fase offensiva. Non hanno niente da perdere e la pressione sarà tutta sulle nostre spalle. Il punto debole forse è la mancanza di esperienza, essendo una squadra molto giovane. Subiscono molti gol? Può darsi, ma ne segnano anche tanti...».

    Lichtsteiner in azione contro il Monaco nell'andata dei quarti di Champions del 2015
    Lo svizzero anticipato dal portiere dei monegaschi Subašić nella gara di ritorno

    LA JUVE È CRESCIUTA

    Tra meno di due settimane si rinnoverà quindi la sfida contro i monegaschi, remake dei quarti di finale di due stagioni or sono, quando la Juve, grazie al gol di Vidal allo Stadium, l'unico segnato da entrambe le squadre nei due match, riuscì a passare il turno. Ora i bianconeri, specie dopo quanto messo in mostra nei quarti contro il Barcellona, sembrano ancora cresciuti rispetto ad allora: «Per fare meglio però dobbiamo vincere la coppa – ribatte Lichtsteiner – perché due anni fa siamo arrivati in finale... Non so se questa Juve sia più forte, perché avevamo un centrocampo composto da Pirlo, Vidal, Pogba e Marchisio, in avanti eravamo comunque molto forti e in difesa siamo più o meno gli stessi. Sicuramente però è una squadra diversa e in più abbiamo l'esperienza della finale di Berlino, della sfida contro il Bayern dello scorso anno, in cui siamo usciti con tanta sfortuna, e del quarto con il Barcellona. Sicuramente siamo cresciuti dal punto di vista mentale e crediamo di poter vincere».

    TUTTO ANCORA IN GIOCO

    Una crescita, quella bianconera, testimoniata anche dal modo pacato in cui i giocatori hanno festeggiato il passaggio del turno: «Dev'essere così, perché è vero che siamo in semifinale, ma è altrettanto vero che non abbiamo ancora vinto nulla. Sappiamo di essere a buon punto, ma è ancora tutto in gioco. Il cambio di modulo? In questi anni abbiamo giocato in modi diversi, ma viste le nostre prestazioni da quando giochiamo con il 4-2-3-1, credo che questo schema sia perfetto per noi»

    TESTA AL GENOA

    Esaurito il tema Champions, è tempo di tornare a concentrarsi sul campionato, anche perché domenica arriva il Genoa che nel girone di andata risultò non poco indigesto: «Contro di loro abbiamo sempre fatto fatica, non ricordo partite vinte agevolmente. Certo, prendere tre gol in 25 minuti non era mai successo, almeno in questi sei anni che ho vissuto alla Juve. Ora siamo a fine stagione e non possiamo perdere punti, avremo bisogno della spinta dei tifosi e di farci trovare pronti»

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK