Juventus
    31.10.2017 17:30 - in: UEFA Youth League S

    Youth League: a Lisbona vince lo Sporting

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    2-0 per i padroni di casa sulla Juventus Primavera: decidono Leão e Brás

    E' lo Sporting CP ad avere la meglio sulla Juventus Primavera nella gara valida per la quarta giornata del Gruppo D di UEFA Youth League, giocata oggi a Lisbona.

    Una partita combattuta, viva, che ha visto la Juve rendersi pericolosa soprattutto nella prima frazione di gioco, la cui inerzia è stata rotta soltanto nei secondi finali della prima frazione di gioco, indirizzando il match verso i padroni di casa.

    PRIMO TEMPO VIVACE ED EQUILIBRATO

    Sono stati proprio i portoghesi a rendersi pericolosi per primi, con una progressione di Leao che, trascorsi tre minuti, sfrutta un rimpallo per partire in velocità e portarsi quasi a tu per tu con Loria, senza trovare la porta, disturbato al momento della conclusione da Anzolin.

    La Juve, però, è quadrata e prova a costruire, sfruttando la vivacità di Bandeira Fonseca: l'esterno portoghese classe 2001, che ha vestito la maglia dello Sporting CP fino alla passata stagione e che è approdato la scorsa estate in bianconero (il più giovane in campo tra i ragazzi di Dal Canto), prima si fa vedere con un tiro-cross bloccato in due tempi da Maximiano, poi chiude una bella triangolazione col connazionale Campos, impegnando l'estremo difensore alla deviazione sul primo palo con una conclusione potente. Sul corner conseguente, è Vogliacco a cercare la respinta di testa, col pallone che termina a lato.

    Al 16' risponde lo Sporting con il rasoterra velenoso di Ferreira: Loria è pronto, si distende e devia in corner, sugli sviluppi del quale è ancora il portiere bianconero a mettere ordine. Poco dopo, Caligara pennella un gran cross dalla sinistra cercando l'inserimento di Kulenovic, che non trova la deviazione per poco: la traiettoria inganna Maximiano, che non trattiene, ma Conté riesce a liberare impedendo ai bianconeri la ribattuta.

    Il match è vivace ed equilibrato, col pallone giocato in velocità: la Juve alla mezzora si fa vedere con Kulenovic che lancia Tripaldelli, fermato ancora da Conté, e con una bella giocata personale di Caligara, che va in progressione e calcia dalla distanza un rasoterra che termina a lato di poco. Lo stesso centrocampista bianconero si rende protagonista anche nella retroguardia, salvando sulla linea un pallone schiacciato da Silva in mischia, prima dell'intervento risolutivo di Loria in presa.

    Al minuto 38, Vogliacco crossa per Kulenovic che cerca la sponda per l'inserimento di Merio, anticipato da Maximiano in uscita: è una fase molto serrata, con continui ribaltamenti di fronte ed è proprio nei secondi finali che lo Sporting trova il gol del vantaggio, sfruttando la velocità di Baldé. L'esterno va via sulla sinistra, riuscendo ad eludere l'intervento in scivolata di Vogliacco e crossa teso trovando Leao liberissimo per il tap-in vincente sul secondo palo, che manda le squadre negli spogliatoi sul risultato di 1-0.

    LA SECONDA FRAZIONE DI GIOCO

    Nella ripresa, i portoghesi si fanno subito vedere con Ferreira, che calcia alto, lontano dalla porta, ma è la Juve a rendersi davvero pericolosa: prima, al 54', con un cross dalla destra di Bandeira Fonseca leggermente teso per Kulenovic, che non riesce a dare la giusta traiettoria al pallone, poi, al 57', con la gran botta angolata di Merio sul primo palo, che scalda i guantoni a Maximiano, che si rifugia in corner.

    Poco dopo, Leao “grazia” i bianconeri non riuscendo a deviare in rete il pallone, dopo aver approfitto di un malinteso tra Pereira Serrao e Loria su un pallone profondo, senza inquadrare la porta ormai vuota da posizione angolata. I padroni di casa si fanno ancora vedere al 66' con il sinistro di Baldé, che termina sul fondo, e con la punizione calciata da Braganca al 70', che trova Loria pronto a respingere sul sinistro a giro.

    La Juve ci prova e nei minuti finali insiste nel cercare la rete del pari: l'occasione migliore arriva al 78', quando Kulenovic controlla bene un pallone e si gira all'interno dell'area, spedendo a lato. L'attaccante croato, poi, proverà a giocare di sponda prima su lancio lungo di Anzolin, poi sulla rimessa lunga di Tripaldelli, trovando l'anticipo della difesa portoghese.

    Conclusi i tempi regolamentari, è il secondo minuto di recupero quando lo Sporting trova il raddoppio che chiude una partita rimasta aperta: è il neo-entrato Diogo Bras, da posizione angolata sulla sinistra, che calcia un pallone potente soltanto deviato da Loria, fissando i risultato sul 2-0. Subito il raddoppio, i ragazzi i Dal Canto ci provano ancora con Kulenovic, ma il numero 9 non riesce a deviare un pallone servito dalla destra da Bandeira Fonseca, con Maximiano che lo anticipa in uscita, blindando la porta.

    LA CLASSIFICA E IL COMMENTO DEL MISTER

    Con questo risultato, i ragazzi di Dal Canto restano a tre punti in classifica nel Gruppo D, alle spalle dello stesso Sporting, ora a quota sette, e del Barcellona, in campo in questi minuti contro l'Olympiacos e reduce, finora, da tre vittorie nelle prime tre giornate.

    Una prestazione, quella bianconera, che mister Dal Canto commenta così al triplice fischio: «Abbiamo giocato una buona partita, così come era avvenuto anche in campionato nell'ultima uscita contro la Lazio. Lo Sporting ha dimostrato di avere qualcosa di più sulla corsa, oltre che maggiore prestanza fisica, e questo può aver fatto la differenza».

    Tre portoghesi in campo nella formazione titolare della Juventus: Pereira Serrao, Campo e Bandeira Fonseca. Quest'ultimo, classe 2001, era anche un ex della partita, oltre che il più giovane bianconero in campo: «Per i portoghesi questa sfida rappresentava una motivazione particolare. Bandeira Fonseca, poi, pur essendo molto giovane ha dimostrato di poter far bene e di poter stare in questa categoria».

    UEFA Youth League – Match Day 4

    Stadio Aurélio Pereira, Alcochete (Lisbona).

    SPORTING CP-JUVENTUS 2-0

    Marcatori: 45’ pt. Rafael Leao (S), 47’ st. Diogo Bràs (S)

     

    Sporting CP: Maximiano, Tiago Djalo (27’ st. Joao Ricciulli), Conté (Cap.), Bragança, Miguel Luis, Rafael Leao, Pedro Ferreira, Correira, Goulart Silva, Tomàs Silva (18’ st. Sithole), Elves Baldé (40’ st. Diogo Bràs).

    A disposizione: Filipe Rodrigues, Nuno Moreira, Douglas Aurelio, Lobo Peixoto.

    Allenatore: Tiago Fernandes.

     

    Juventus: Loria, Vogliacco (Cap.), Tripaldelli, Anzolin, Capellini, Pereira Serrao, Bandeira, Caligara (22’ st. Nicolussi), Kulenovic, Campos (25’ st. Olivieri), Merio (36’ st. Portanova).

    A disposizione: Busti, Morrone, Zanandrea, Meneghini.

    Allenatore: Alessandro Dal Canto.

     

    Ammoniti: 32’ pt. Pereira Serrao (J), 14’ st. Campos (J), 42’ st. Vogliacco (J), 46’ st. Correia (S).

     

    Prossimo impegno:

    Juventus – Fiorentina

    8° Giornata Girone di Andata

    Sabato 4 novembre ore 13

    Condividi con:
    • 1
    • 3
    • 2
    INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
    Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
    Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
    Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
    OK