Juventus
    Juventus
      06.11.2018 19:30 - in: Champions League S

      La conferenza stampa di Allegri e Bonucci

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      Così il tecnico e il difensore alla vigilia della sfida di Champions contro lo United

      Sono Massimiliano Allegri e Leonardo Bonucci a presentare in conferenza stampa la sfida contro il Manchester United di mercoledì sera. Queste le loro parole:

       

      MASSIMILIANO ALLEGRI

      Il primo obiettivo della stagione

      «Ora le cose stanno andando bene, ma in questa parte della stagione non si conquistano trofei. Domani potremmo raggiungere il primo obiettivo della stagione e poi dovremo rituffarci in campionato. Sarà importante arrivare a marzo in ottime condizioni».

      Le possibili scelte di formazione

      «La caviglia di Mandzukic va bene ed è a disposizione. Domenica non l'ho portato in panchina perché c'erano da fare gli scalini... Lui per noi è un giocatore estremamente importante. Fuori ci sono Bernardeschi, Douglas Costa e Kean, oltre a Emre Can che speriamo di riavere al più presto con noi. Domani potrebbero giocare ancora Cuadrado, Dybala e Ronaldo, ma devo ancora decidere, anche perché dovrò vedere se far riposare qualcuno come Matuidi, visto che Khedira è in buone condizioni e Bentancur è giovane e recupera velocemente».

      Massima attenzione

      «Domani servirà una partita migliore di quella giocata a Manchester perché loro possono essere pericolosi in qualsiasi momento. Servirà grande attenzione, perché ci giochiamo tanto».

      LEONARDO BONUCCI

      Manchester e Milan in una settimana

      «Domani giochiamo una grande partita contro il Manchester ed è una gara importante perché vincendo chiuderemmo il discorso qualificazione. Al Milan pensiero da dopo domani sera, sarà emozionante, ma opra sono concentrato esclusivamente sullo United».

      I complimenti di Mourinho

      «Per Mourinho io e Chiellini potremmo insegnare tattica difensiva ad Harvard? Sono parole che fanno piacere perché arrivano da un grande allenatore, ma quanto ottenuto negli anni è stato raggiunto con il sacrificio di tutti. La difesa non si basa solo sui difensori così come non si attacca solo sulle punte».

      L'amicizia con Pogba

      «Con Paul siamo rimasti in ottimi rapporti. È un grande giocatore e mi ha detto che ha provato una grande emozione a tornare in questo stadio. Spero che faccia una grande partita, ma che vinca la Juve».

      Una Juve più esperta

      «Dopo un anno ho ritrovato una Juve sicura di sé e con più esperienza, ottenuta grazie al grande lavoro del mister e della società».

      Pallone d'Oro? A Ronaldo

      «Io credo che, per quanto ha dato al Real lo scorso anno e per tutto quello che ha dimostrato, il Pallone d'Oro debba andare a Cristiano Ronaldo».

      Condividi con:
      • 1
      • 3
      • 2
      INFORMAZIONI SULL'USO DEI COOKIES
      Questo sito utilizza cookie di terze parti, per finalità di marketing e fornire servizi in linea con le tue preferenze.
      Puoi prendere visione dell'informativa estesa sull'uso dei cookie cliccando qui.
      Cliccando su 'Ok', chiudendo questo banner o proseguendo con la navigazione, acconsenti al loro uso in conformità alla nostra cookie policy.
      OK